Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Zanetti-De Pasquale, chiuse le campagne elettorali foto

A distanza di pochi metri il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle hanno fatto l'ultimo appello agli elettori

Più informazioni su

A distanza di pochi metri si sono chiuse le campagne elettorali di Francesco De Pasquale e Andrea Zanetti. Il candidato del Movimento 5 Stelle dalla passeggiata del porto con un “AperiDepa” com’è stato ribattezzato l’aperitivo dei pentastellati. Sempre a Marina di Carrara, in piazza Ingolstadt, il candidato del Partito Democratico ha calato un altro asso. È infatti arrivato a sorpresa il ministro della giustizia Andrea Orlando.

QUI ZANETTI
“Quando ci si trova a scegliere tra un candidato del partito e un populista – ha dichiarato Orlando – non possiamo avere dubbi. Considerato il valore che avrà questa tornata elettorale, i luoghi che abitiamo non possono diventare di propaganda. Votare per fare dispetto è un modo per farsi lo sgambetto da soli. Questo voto ha anche un valore politico: come è stato fermato il populismo in altri paesi europei, anche qui toccherà fare la nostra parte”.

Dopo una pausa in cui i partecipanti hanno potuto accostarsi al buffet, Zanetti ha affermato: “Apriamo e chiudiamo la nostra campagna elettorale con la canzone ‘Apriti cielo’ di Mannarino. Questa campagna è stata un’esperienza incredibile che poterò dentro per sempre. Mi ha dato la possibilità di entrare nelle viscere della città, di entrare in contatto col suo profondo sentimento. Gli altri competitor o hanno parlato male di noi o si sono concentrati sul passato. È facile dire “non va bene niente”; noi riconosciamo le difficoltà della nostra città, ma abbiamo puntato sul recupero di un senso di futuro, di un senso di comunità, su una rigenerazione. Parole che sono entrate a far parte del lessico della campagna elettorale”.

QUI DE PASQUALE
“Il bel tramonto di questa sera — ha detto De Pasquale — rappresenta il tramonto di un vecchio modo di fare politica. Noi ci siamo. Se vogliamo trasparenza, imparzialità e competenza i cittadini sanno per chi votare. Vogliamo portare in Comune un nuovo modo di fare politica. Ci tacciano di essere sprovveduti e degli illusi, ma non è così. Se consideriamo che durante l’attuale consiliatura all’amministrazione sono arrivati avvisi di garanzia e sconfitte al Tar. Diciamo che noi siamo inesperti in avvisi di garanzia e rinvii a giudizio. Per votare basta un secondo, votiamo 5 Stelle e sarà una liberazione”.

Più informazioni su