LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Le Istituzioni Informano di La Voce Apuana - Covid19 • Pillole di ottimismo

Virus, “Numeri in pillole” del 27 ottobre: forte impatto sugli ospedali, confidiamo sulla risposta delle persone

Pubblichiamo l’analisi dei dati del 27 ottobre 2020 del dottor Paolo Spada, tratto da Pillole di Ottimismo.

NUMERI IN PILLOLE – Aggiornamento del 27/10/2020 – Paolo Spada

🇮🇹 Numeri in salita, come previsto, con forte impatto sugli ospedali, in attesa degli effetti delle misure di contenimento.
__________________________________________________
Buonasera e ben ritrovati.
Come sempre a questo link i GRAFICI aggiornati pochi minuti fa: https://public.flourish.studio/story/435616/
Ecco i dati salienti di oggi in ITALIA:
💊 Sono 21994 i NUOVI POSITIVI, su 174398 TAMPONI (12,6%) e 106346 PERSONE TESTATE (20,68%)*.
Negli ultimi sette giorni abbiamo avuto in media 18618 nuovi positivi al giorno, ossia +8763 casi al giorno rispetto ai sette giorni precedenti (ieri era +7886).
L’aumento percentuale complessivo in questi ultimi sette giorni, rispetto ai sette precedenti, è stato pari al 88,9% (ieri era 86,2%).
Siamo a 216 nuovi positivi ogni 100.000 abitanti/settimana. Per confronto, in Europa: Spagna: 223, Francia: 315, Regno Unito: 208, Germania: 72, Paesi Bassi: 347, Belgio: 695, Austria: 161, Svezia: 59, Romania: 142, Portogallo: 162, Polonia: 176, Rep.Ceca: 690 (fonte ECDC, media delle ultime due settimane, ultimo aggiornamento oggi, 27/10/2020).
Tra le Regioni italiane si segnalano: Valle d’Aosta: 553; Liguria: 339; Lombardia: 323; Umbria: 314; Piemonte: 305; Toscana: 286; Trentino AA: 282; Campania: 252; Veneto: 207. Gli incrementi maggiori rispetto ai sette giorni precedenti si registrano nelle Marche (+158,6%), Veneto (+124,2%), Calabria (+115,8%), Lombardia (+107,2%), Emilia Romagna (+106,9%), Trentino AA (+105,3%), Friuli VG (+104,7%), Piemonte (+96,2%), e Toscana (+94,5%).
📊 Nelle prime tre slide dei GRAFICI sono riportati, regione per regione, l’andamento dei nuovi positivi, quello dei tamponi, e l’andamento complessivo. Nelle slide 4-6 trovate inoltre la classifica mobile delle Regioni per casi positivi e persone testate ogni 100.000 abitanti negli ultimi 30 giorni. Alle slide 14-18 sono le MAPPE per provincia (casi, incrementi sul totale, e incidenza per 100.000 abitanti).
*Va considerato che i rapporti positivi/tamponi e positivi/persone testate ora si alzano anche per via dell’uso dei test rapidi antigenici (non contati come tamponi, ma confermati con l’esame molecolare quando positivi).
💊 Oggi +958 RICOVERI, +127 TERAPIE INTENSIVE, e 221 DECESSI.
Abbiamo attualmente 13955 pazienti RICOVERATI IN REPARTO, pari al 48,1% del valore di picco (29010 il 4 aprile). Negli ultimi 7 giorni la variazione media del numero di pazienti ricoverati è stata pari a +786 pazienti al giorno (era +483 nei sette giorni precedenti). L’aumento percentuale complessivo è +68,1%.
I pazienti in TERAPIA INTENSIVA sono complessivamente 1411, pari al 34,7% del massimo valore raggiunto (4068, il 3 aprile). Attualmente la disponibilità in Italia è di circa 6500 posti letto di TI. Negli ultimi sette giorni la variazione media dei pazienti in Terapia Intensiva è stata di +77 pazienti al giorno (era +51 nei sette giorni precedenti). L’aumento percentuale complessivo è +63,7%.
In media abbiamo avuto in Italia 142 DECESSI al giorno negli ultimi sette giorni, e 66 nei sette giorni precedenti.
In sette giorni abbiamo avuto 1,65 decessi ogni 100.000 abitanti. In Spagna: 2,05, Francia: 1,65, Regno Unito: 1,6, Germania: 0,3, Paesi Bassi: 1,35, Belgio: 2,9, Austria: 0,65, Svezia: 0,1, Romania: 2,6, Portogallo: 1,2, Polonia: 1,9, Rep.Ceca: 6,15 (fonte ECDC, media delle ultime due settimane, ultimo aggiornamento oggi, 27/10/2020).
📊 L’andamento dei carichi sanitari e dei decessi è mostrato a partire dalla slide 7. Nei grafici è possibile selezionare il periodo di osservazione (tutte le date o solo gli ultimi 30 giorni), e la regione di interesse. Scorrendo sui grafici appaiono i valori del giorno. Alle slide 9-10 sono riportati i dati per 100.000 abitanti.
Nelle slide 19-20-21 trovate come sempre i dati sull’ETA’ e sullo STATO CLINICO dei pazienti, che ricaviamo rielaborando periodicamente le tabelle mostrate nella dashboard di ISS, riferite ai casi degli ULTIMI 30 GIORNI. L’ultimo nostro aggiornamento è del 20 ottobre.
🔵 Le curve stanno salendo come previsto, e da qui a qualche giorno dobbiamo aspettarcelo: sarà dura. Attendere l’effetto delle misure restrittive, sperando che siano efficaci nel flettere l’andamento di questa seconda ondata sarà, anzi è già, davvero motivo di tensione, per tutti quanti, e dobbiamo metterla in conto. Per chi lavora in ospedale l’aria si è fatta molto pesante: ai preparativi, alla fatica e al lavoro intenso, si somma la stanchezza di tanti che ancora non hanno del tutto superato quella della prima ondata – del resto, chi può dire di averlo davvero fatto? – e un po’ di incredulità, per essere di nuovo qui come otto mesi fa, a reggere l’impatto. Che è davvero forte, e potete capirlo dai numeri.
Un po’ io lo spero, che si capiscano questi numeri, perché voglio confidare non solo nelle misure del governo, tanto discusse – comprensibilmente – e tanto contestate, ma proprio nella risposta delle persone, e nella loro capacità di adeguarsi alle cose vere, quelle che succedono nei momenti più critici, e drammatici, anche quelle che non si vedono con gli occhi, ma che si possono immaginare, e percepire ugualmente. Ecco, io spero che arrivi presto anche quella parte di flessione della curva che non verrà dall’imposizione delle regole, mal deglutite e mal digerite, ma da una risposta più diffusa e indefinita, naturale e istintiva: quella degli animali che vivono insieme, in grossi branchi, che avvertono i pericoli tutti insieme, e si muovono simultaneamente, come un corpo solo.
Un abbraccio
Paolo Spada
__________________________________________________
Numeri complessivi dell’epidemia ad oggi in Italia:
564778 pazienti COVID-19, di cui 271988 guariti, 255090 attualmente positivi (13955 ricoverati in reparto, 1411 in Terapia Intensiva, 239724 in isolamento domiciliare), e 37700 pazienti deceduti.