Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Le Istituzioni Informano di La Voce Apuana - Comune di Carrara

Giornata vittime delle mafie, nelle mense scolastiche di Carrara la pasta di “Libera Terra”

CARRARA – Anche quest’anno “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” dedica la giornata del 21 marzo al ricordo di tutte le vittime di mafia.  Il Comune di Carrara aderisce all’iniziativa organizzata da Libera Terra e da Cirfood, società appaltatrice per conto del Comune di una parte dei servizi di refezione scolastica.

Venerdì 19 marzo, in tutte le mense delle scuole di Carrara, verrà proposta nel menu del giorno la pasta di semola biologica “Libera Terra”, prodotta da cooperative sociali che coltivano le terre confiscate alla criminalità. Libera Terra nasce con l’obiettivo di valorizzare territori stupendi, ma difficili, partendo dal recupero sociale e produttivo dei beni liberati dalle mafie per ottenere prodotti di alta qualità attraverso metodi rispettosi dell’ambiente e della dignità della persona. Inoltre, svolge un ruolo attivo sul territorio, coinvolgendo altri produttori che condividono gli stessi principi e promuovendo la coltivazione biologica dei terreni. Il progetto vuole dare dignità ai territori caratterizzati da una forte presenza mafiosa attraverso la creazione di aziende cooperative autonome in grado di dare lavoro, creare indotto positivo e proporre un sistema economico virtuoso, basato sulla legalità e sulla giustizia sociale.

La pasta che verrà distribuita nelle mense scolastiche di Carrara è prodotta da cooperative sociali, aderenti a Libera Terra, un marchio che raggruppa varie Cooperative della rete di Libera, fondata da Don Luigi Ciotti. Vengono forniti  prodotti straordinari, frutto del lavoro di giovani, i quali coltivano terre confiscate alle mafie in Sicilia, Puglia, Calabria e Campania, sulla base della legge 109/1996 che ha permesso il riutilizzo sociale dei beni confiscati. Nel 2017, con voto unanime alla Camera dei Deputati, è stata approvata  la proposta di legge che istituisce e riconosce  il 21 marzo quale “Giornata  della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”.