LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Sanac, ore cruciali: il 2 agosto l’incontro tra direzione e operai

«Sappiamo che ci sono problemi  che ostacolano la firma per la vendita – ci racconta Andrea Bordigoni, uno degli operai – ma non sappiamo di che entità e quali siano, speriamo che la situazione si sblocchi perché senza investimenti, con in più la situazione che c’è sul gas, l’autunno sarà drammatico».

MASSA – Il tempo stringe ed è ancora e sempre tutto fermo come da mesi a questa parte. L’unica nota positiva è che per ora lo stipendio c’è, in autunno si vedrà. Per gli operai della Sanac è un’estate di caldo, afa e tensione: l’autunno è alle porte, il lavoro comincia a scarseggiare e con l’acquirente potenziale, l’unico con i requisiti previsti dal bando aperto per la società in amministrazione straordinaria, la multinazionale indiana Dalmia si stanno profilando dei problemi tecnici. Intanto la fabbrica quest’anno resterà coi reparti chiusi un po’ più a lungo. Per ora gli occhi sono tutti puntati, in trepida attesa sull’incontro previsto tra dipendenti e direzione del 2 agosto, quando questi problemi tecnici verranno illustrati agli operai.

«Sappiamo che ci sono problemi  che ostacolano la firma per la vendita – ci racconta Andrea Bordigoni, uno degli operai Sanac – ma non sappiamo di che entità e quali siano, speriamo che la situazione si sblocchi perché senza investimenti, con in più la situazione che c’è sul gas, l’autunno sarà drammatico».

Quello che si sa per ora, è che la trattativa, di cui si stanno occupando i commissari straordinari governativi, è ferma  e che da Taranto non arrivano le richieste di commesse: « Non sappiamo perché ma da Taranto… niente- ci dice Andrea – è un gioco politico che non riusciamo a capire. Non riusciamo a capire se si fa la vendita o no, perché se non si fa è un grosso problema. Sappiamo solo che ci sono questi punti da chiarire ma non sappiamo quali».

Qualcosa di più comunque si saprà il 2 agosto alle 14:00, la data e l’ora dell’incontro. Per il giorno dopo è prevista l’assemblea con gli operai per discuterne.