Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Green pass, i negozianti non dovranno controllarlo ai clienti foto

Rapaioli (Confesercenti): «Non si tratta del passo indietro che avevamo richiesto, ma sicuramente un passo avanti visto che i controlli potranno essere fatti a campione»

MASSA-CARRARA – “Non si tratta del passo indietro che avevamo richiesto sull’ormai imminente obbligo di green pass base (in vigore dal prossimo 1° febbraio) per accedere alle attività commerciali, ma sicuramente un passo avanti visto che i controlli potranno essere fatti a campione”. È Confesercenti Toscana Nord, con il responsabile dell’area di Massa-Carrara Adriano Rapaioli, a comunicare le modalità dei controlli del green pass base che da 1° febbraio tutte le attività commerciali, ad eccezione di quelle esenti, che il governo ha voluto chiarire proprio in queste ore.

“Abbiamo fatto forti pressioni con i nostri organismi nazionali – spiega Rapaioli – affinché fosse modificato l’obbligo di green pass che noi consideriamo, per come definito dall’ultimo dpcm, un favore alla grande distribuzione e alle piattaforme on line. Non siamo riusciti, in particolare per attività che riteniamo essenziali come i tabaccai, a ottenere una modifica al provvedimento ma dal governo è arrivato un chiarimento importante sui controlli che a nostro avviso alleggerisce le incombenze degli imprenditori”.

Chiarimento che il governo ha affidato a una sua faq che risponde a questa precisa domanda: i titolari degli esercizi commerciali diversi da quelli che soddisfano le esigenze alimentari, mediche e di prima necessità ai sensi del dpcm 24 gennaio 2022, devono assicurare i controlli del green pass all’ingresso? Ecco la risposta: “No. I titolari degli esercizi per i quali è richiesto il green pass base non devono effettuare necessariamente i controlli sul possesso della certificazione all’ingresso, ma possono svolgerli a campione successivamente all’ingresso della clientela nei locali”.

La conclusione del responsabile Massa-Carrara di Confesercenti Toscana Nord. “Secondo l’interpretazione fornita dal governo non occorre che i titolari degli esercizi non esentati (ad esempio negozi di abbigliamento, tabaccherie, librerie, edicole al chiuso, cartolerie) controllino all’ingresso degli esercizi che i clienti accedano previo possesso del “green pass base”: è sufficiente, invece, anche un controllo a campione effettuato successivamente all’ingresso della clientela nei locali”.