Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

«Nel nostro negozio entrano tutti. Con o senza green pass»

Luca Vinchesi, titolare di Silu's Planet di Avenza, non ha dubbi sulla non efficacia del certificato verde a fini sanitari: «Non ci presteremo a questo ennesimo gioco per favorire Amazon e i suoi fratelli»

CARRARA – «Tra pochi giorni il folle green pass per i negozi sarà realtà, mi preme sottolineare che noi serviremo tutti, non faremo discriminazioni di alcun tipo e soprattutto non ci presteremo a questo ennesimo gioco per favorire Amazon e i suoi fratelli, messo in atto dai poltronari romani con stipendi a 5 cifre, come durante il lockdown serviremo anche all’esterno del negozio, nessuno sarà lasciato indietro, citando il celebre Duca Conte». È Luca Vinchesi, titolare del negozio Silu’s Planet di Avenza (Carrara, Massa-Carrara), a lanciare l’attacco contro le ultime misure restrittive introdotte dal governo che dovrebbero servire – a detta di Draghi e Speranza – a limitare la diffusione del virus.

«Da noi lo faremo sul serio – ha scritto Vinchesi sui social – come del resto abbiamo fatto, grazie a Simone (il suo collega, ndr), nei mesi di lockdown duro, aiutando tantissime famiglie con i pc per la Dad o professionisti con lo smartworking. Riteniamo il vaccino una misura sanitaria fondamentale per salvare vite, perché senza dubbio riduce la gravità della malattia, ma altresì riteniamo il green pass esteso a ogni realtà una forzatura politica, che non ha nulla a che fare con misure sanitarie ma solo con il controllo delle persone».

«Sarebbe molto più serio e credibile – propone il commerciante di Avenza – introdurre obbligo di mascherina ffp2 in ambienti chiusi, che di certo rappresentano una certezza nella prevenzione del contagio rispetto a un inutile foglio verde. Chiudo dicendo che i minori non accompagnati avranno libero accesso al negozio senza alcuna richiesta, se la norma introdotta non specificherà in modo chiaro e inequivocabile che un esercente può chiedere a loro il Gp e documento d’identità (perché va chiesto anche quello per chi non lo sapesse) senza la presenza del genitore. Scusate ma ogni tanto bisogna fare anche post seri in questo Paese dei balocchi».