Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Marina di Carrara, il porto post-covid fa +26%. E nel 2022 via ai lavori per la passeggiata sul paraonde

Il presidente dell'Adsp Sommariva e il segretario Di Sarcina: «Il miglior risultato di sempre». Sul waterfront: «I lotti 1 e 2 saranno appaltati insieme»

MARINA DI CARRARA – «Abbiamo fatto un piccolo miracolo, facendo approvare per primi il Documento di pianificazione strategica di Sistema portuale, e ora vogliamo andare avanti. In particolare a Marina di Carrara dove il Piano regolatore risale ancora al 1981 e richiede una sostituzione urgentissima. Le nuove norme potrebbero essere un ulteriore elemento di vantaggio, ma nel riassetto abbiamo previsto gli ampliamenti minimi necessari. Il porto di Carrara vola e dimostra grande potenziale ogni giorno di più, ma siamo stati prudenti». Lo hanno detto il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure orientale, Mario Sommariva, e il segretario generale, Francesco Di Sarcina, nel corso della conferenza stampa di fine anno che si è svolta ieri nell’auditorium di Via del Molo, alla Spezia.

A confermare le buone prospettive future per lo scalo apuano ci sono i dati dei traffici del 2021: la movimentazione tonnellata complessiva è aumentata del 26%, il miglior risultato di sempre. «I nostri sforzi – hanno proseguito Sommariva e Di Sarcina – sono al momento concentrati sul waterfront. Il lancio della gara per la realizzazione dei lavori della passeggiata sulla diga foranea è un traguardo storico perché si tratta di un intervento particolarmente sentito dalla comunità di Marina. E il fatto di realizzarlo prima di altri interventi di natura squisitamente portuale è visto con particolare favore dalla popolazione. Il 2022 segnerà l’avvio dei lavori del quarto lotto e poi l’assegnazione dei lotti 1 e 2, che saranno appaltati insieme».

I DATI DELL’ISR

E i dati del porto sono stati presentati dall’Istituto Studi e Ricerche della Camera di Commercio, questa mattina, giovedì. Le merci movimentate complessivamente nei primi nove mesi del 2021 sono state 2.415.170 tonnellate (+26,5%), di cui 2.240.849 come general cargo (+25%). Un considerevole aumento anche dei contenitori trasportati, pari a 75.574 Teu complessivi (+20,4%) e del traffico ro-ro con 21.079 units, con un incremento del 26,1% sul 2020.