Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Esenzione mense scolastiche e campagna buoni spesa: il Comune di Massa stanzia 600mila euro

Il sindaco Persiani: «Aiutare i concittadini in difficoltà è una priorità dell’amministrazione». Sul Sociale Palazzo civico ha stanziato oltre 8,5 milioni nel 2021

Più informazioni su

MASSA – L’amministrazione comunale di Massa, tramite l’assessorato al Sociale, entro fine anno metterà in campo una serie di azioni per un totale di circa 600mila di euro rafforzando tutte le progettualità attivate fino ad oggi. “Aiutare i concittadini in difficoltà è una priorità dell’amministrazione e l’aggravarsi delle condizioni, in seguito alla pandemia, ha reso ancora più urgente intervenire tant’è che, solo in questo ultimo anno, abbiamo investito oltre 8 milioni di euro sia per le misure ordinarie sia per interventi straordinari, anche grazie al grande lavoro degli uffici del settore” commenta il sindaco Francesco Persiani.

“Abbiamo pensato di indirizzare le risorse disponibili intervenendo laddove era più forte la richiesta delle famiglie – spiega l’assessore alle Politiche sociali Amelia Zanti – pertanto abbiamo riaperto la campagna voucher spesa che, in un periodo delicato, sappiamo essere un sostegno importante, abbiamo innalzato la somma del fondo della morosità incolpevole considerato che numerose famiglie si sono trovate in difficoltà nel pagamento del canone di locazione a causa dell’emergenza, ed abbiamo pensato all’esenzione del pagamento delle mense per dare un sostegno ulteriore”.
L’amministrazione comunale, infatti, stanzia 118mila euro dal bilancio comunale, per esentare il pagamento delle mense scolastiche per il periodo ottobre-dicembre: si tratta di un’operazione che raggiungerà 830 famiglie con Isee fino a 20mila euro, a cui appunto non arriverà il bollettino relativo al suddetto periodo.

Da lunedì poi riparte la campagna per i buoni spesa, per cui sono stanziati 200 mila euro derivanti da risorse ministeriali; dall’inizio dell’emergenza sanitaria, ovvero da aprile 2020 ad oggi, è la settima campagna di solidarietà alimentare messa in atto dall’amministrazione comunale con cui sono state aiutate migliaia di famiglie. Le domande potranno essere presentate entro il prossimo 15 dicembre.

Per coloro che versano in condizioni di morosità incolpevole, quest’anno l’amministrazione comunale avrà a disposizione complessivi 190.834 euro, andando così ad integrare i circa 57mila euro della Regione Toscana, nell’ottica di aiutare più famiglie possibili: il bando e la domanda sono già disponibili sul sito del Comune di Massa e resteranno aperti anche nel 2022 fino ad esaurimento delle risorse. Ed ancora, tra le nuove progettualità rientra il “Tavolo solidale” con l’obiettivo di sostenere le famiglie in difficoltà tramite il riconoscimento di contributi alle realtà del territorio che tradizionalmente conoscono le famiglie in difficoltà, integrando così il lavoro del nostro servizio: a questo progetto l’amministrazione destina una somma di 70mila euro.

Nel 2021 stanziati oltre 8,5 milioni di euro

Con queste ultime pianificazioni, nel 2021 il Settore Sociale ha stanziato un totale di 8.552.391,00 euro di cui oltre 5 milioni del bilancio comunale, circa 2,2 milioni di risorse regionali (di cui 1,5 milioni del progetto Sos Covid) e poco più di 1,2 milione di fondi ministeriali. “Le risorse  – spiegano da Palazzo civico – sono state ripartite in diversi ambiti andando a rinforzare, per gran parte dei fondi, i servizi per la disabilità, i contributi economici per i minori, i contributi per gli indigenti, le strutture per anziani e per minori, l’emergenza abitativa. Come misura straordinaria post pandemia, nei mesi scorsi l’amministrazione comunale ha deciso di stanziare 400 mila euro per esenzioni o riduzioni della Tari per le utenze non domestiche. La scelta, inoltre è stata quella di rafforzare i contributi per gli indigenti; con circa 130 mila euro del bilancio comunale, continua il sostegno dell’amministrazione per il raggiungimento dell’autonomia abitativa dei nuclei inseriti in strutture in disponibilità del comune e per contrastare l’esclusione sociale con aiuti straordinari alle famiglie in disagio socio-economico aggravato dall’emergenza sanitaria. Ma le buone notizie non sono finite: l’amministrazione comunale ha destinato oltre 300 mila euro dei fondi Sos Covid ai contributi ordinari per l’affitto che, unitamente ai fondi regionali, consentiranno per la prima volta di poter riconoscere contributi in misura decisamente superiore a quella degli ultimi anni. Questi pagamenti partiranno nei primi mesi del 2022».

Più informazioni su