Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Ristorazione, incontro coi rappresentanti delle associazioni. De Pasquale: «Scriveremo al governo»

I ristoranti: «Serve un piano di aperture a lungo termine per permetterci di programmare»

CARRARA – «Un impegno a riportare all’attenzione di governo nazionale e Regione Toscana le istanze del mondo della ristorazione e della somministrazione e un tavolo permanente tra amministrazione comunale e ristoratori locali, per percorrere insieme il cammino che ancora ci separa dall’uscita dalla pandemia»: lo ha garantito il sindaco Francesco De Pasquale che insieme all’assessore al Commercio Giovanni Macchiarini ha risposto così all’appello lanciato da un nutrito gruppo di addetti ai lavori a seguito del nuovo giro di vite sulle attività arrivato con l’ingresso in zona rossa della nostra regione. Nel corso dell’incontro online con oltre venti persone tra gestori e proprietari di ristoranti, bar e locali e rappresentanti delle associazioni di categoria, in uno sfogo “a cuore aperto” sono emerse con forza le tante difficoltà che gli addetti ai lavori hanno dovuto affrontare e stanno ancora affrontando dopo un anno di pandemia: la fatica nel sopravvivere dopo 12 mesi di lavoro a singhiozzo, la criticità di convivere con chiusure che vengono imposte con scarsissimo preavviso, la rabbia di chi soffre per rispettare le regole e assiste a continue trasgressioni fino alla richiesta di idee per la ripartenza del dopo pandemia.

Nel corso del confronto gli esponenti dell’amministrazione hanno ricordato i provvedimenti messi in campo dal comune in questi mesi, dall’estensione a titolo gratuito del suolo pubblico fino al bando per le micro imprese con 550mila da assegnare alle attività più colpite dalla crisi economica innescata dalla pandemia. «Ringraziamo il sindaco e l’assessore per questo incontro, è stato un momento importante perché abbiamo potuto entrare nello specifico delle nostre richieste. Detassazione, una ripartenza protetta, piccole manovre ma importanti per una miglior accoglienza: sarà importante proseguire questo dialogo con una serie di incontri mirati alla ripartenza per continuare a lavorare insieme» ha dichiarato Nadia Cavazzini, vicepresidente di Confcommercio che ha partecipato all’incontro con il presidente Bruno Ciuffi.

«Le regole se pur non immediatamente comprensibili ai profani vanno rispettate perché nascono da basi scientifiche certe. In questa situazione non si possono seguire le semplificazioni che spesso troviamo sui social e che sono fuorvianti. Concordo con il sindaco – che ringrazio – quando dice che la vaccinazione è decisiva. È importante ora mantenere bassi i contagi: serve massimo rigore nel rispetto delle norme perché iniziamo a vedere la luce in fondo al tunnel. Per questo serve un piano di aperture a lungo termine per permetterci di programmare» Francesco Benatti presidente provinciale dei Pubblici Esercizi di Confesercenti.

«Questo tavolo permanente deve avere risultati a stretto giro. Deve cioè produrre in tempi rapidi un documento condiviso da veicolare a tutte le istituzioni immediatamente. Il decreto sostegno e i vari provvedimenti verranno discussi in Parlamento in questi giorni, si parlerà anche delle riaperture, ed è fondamentale che il nostro grido di allarme e la nostra disperazione vengano presi in considerazione. Non c’è tempo da perdere, dobbiamo intervenire sui costi fissi ed evitare nuove drammatiche chiusure» ha dichiarato Nicola Del Nero di Cna, presente anche con il presidente di categoria Andrea Borghini.

«La nostra città deve investire di più sul turismo perché rispetto a territori limitrofi siamo indietro. L’amministrazione deve fare tutto ciò che è in suo potere per sostenere la nostra categoria in questo momento così drammatico» ha aggiunto Gabriele Giovannelli di Confartigianato. In risposta alle tante e delicate istanze dei ristoratori, l’assessore al Commercio Macchiarini ha assicurato la sua disponibilità ad aprire un tavolo permanente per dialogare con gli operatori e provare laddove possibile ad andare loro incontro. «Solo con la vaccinazione di massa usciremo finalmente da questa situazione così drammatica. Nel frattempo vi garantisco la massima disponibilità dell’amministrazione a collaborare con voi» ha concluso il sindaco, assicurando il suo impegno a riportare all’amministrazione regionale e al governo nazionale le richieste lanciate nel corso dell’incontro.