Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Il futuro del porto di Marina di Carrara: vertice in Confindustria col presidente Sommariva

Il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale è stato ospite dell'associazione industriali: «Verso un piano regolatore moderno». Venturi: modello integrato di sviluppo da salvaguardare

CARRARA – Il Piano Regolatore del Porto di Marina di Carrara è stato l’argomento centrale del partecipato incontro svoltosi in Confindustria tra le aziende portuali e il neo presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Mario Sommariva. Aprendo l’incontro, il presidente di Confindustria Livorno Massa-Carrara, Piero Neri, ha sottolineato l’esigenza di procedere speditamente verso la definizione del nuovo Piano Regolatore che, tra l’altro, rappresenta uno dei motori di sviluppo all’interno dell’accordo di programma.

«Occorre accelerare e dare concretezza – ha sostenuto Neri – all’accordo del gennaio 2018 tra Authority, Regione e Comune di Carrara, per lo sviluppo del waterfront e recuperare il tempo assorbito dalla crisi generata dalla pandemia. Le aspettative degli imprenditori del porto di Carrara sono puntate alla valorizzazione dei rispettivi investimenti nel quadro della reindustrializzazione della costa toscana».

Il presidente dell’Authority Mario Sommariva ha confermato la propria determinazione nel velocizzare le procedure per l’adozione del nuovo Prg del porto, ricordando che non appena insediato ha provveduto all’affidamento dell’incarico per l’elaborazione della procedura paesaggistica. Ha infatti dichiarato Sommariva: «Per il consolidamento e lo sviluppo condiviso del Porto di Carrara dobbiamo dotarci di un Prg moderno, poiché quello vigente è notevolmente datato risalendo a 40 anni orsono».

Nel corso del meeting è stato sottolineata la necessità di coniugare le attività, industriali, cantieristiche, commerciali, turistiche e crocieristiche, avendo particolare attenzione alla sostenibilità ambientale e paesaggistica. «Avere nello stesso porto – ha proseguito il presidente dell’Autorità – una pluralità così ricca di attività rappresenta un valore che costituisce un asset per tutto il territorio, ed anche per questo dovremo abbreviare il più possibile i tempi di riassetto urbanistico e funzionale del nostro porto».

Il presidente della delegazione di Confindustria Livorno Massa-Carrara Matteo Venturi ha sottolineato come nel porto di Carrara si concentrino investimenti e attività provenienti dalla grande industria, dal marmo, dalla cantieristica, che costituiscono un modello integrato di sviluppo da salvaguardare e sviluppare. A conclusione dell’incontro, Neri, consegnando il crest della Confindustria a Sommariva, ha auspicato che prosegua con l’Authority un intenso dialogo istituzionale, assicurando ampia collaborazione nello spirito del “Patto di Alleanza del Territorio”, rinnovato all’inizio del proprio mandato anche con il Comune di Carrara.