LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Edilizia, la pandemia mette ko i giovani imprenditori. Cna: «In arrivo un bonus da 600 euro»

L'annuncio dell'associazione: sarà riconosciuto sotto forma di compensazione sui contributi dovuti alla Cassa Edile Regionale. «170 chiusure tra imprese under 50 nei primi 9 mesi del 2020»

MASSA-CARRARA – Un bonus da 600 euro ‘una tantum’ per favorire l’occupazione giovanile a Massa-Carrara ed il ricambio generazionale nel settore dell’edilizia. Alimentato dal Fondo Incentivo Occupazione, sarà riconosciuto sotto forma di compensazione sui contributi dovuti alla Cassa Edile Regionale e si applicherà alle assunzioni con contratto subordinato a tempo pieno ed indeterminato. A renderlo noto è Cna Massa-Carrara, che mette a disposizione i suoi uffici per guidare le imprese del settore costruzioni. “Secondo l’ultimo rapporto elaborato dall’Istituto Studi e Ricerche della Camera di Commercio di Massa-Carrara – spiega infatti l’associazione – i giovani sono la categoria più “colpita” dal lungo periodo pandemico. Da gennaio a settembre 2020 le persone artigiane attive, ovvero i titolari di impresa, sono complessivamente diminuiti, ma a pagare il prezzo più alto sono gli under 50, con 170 unità in meno. Tra lo stesso periodo del 2019 ed il 2020 il numero di artigiani si è ridotto di 81 unità, passando da 6.508 a 6.427. Le imprese con titolari tra i 18 ed i 49 anni sono quelle che hanno sofferto (e chiuso) di più”.

“A soffrire di più – continuano da Cna – è stato proprio il comparto delle costruzioni (14,4%) seguito dalle lavorazioni edili (-8,8%) e dall’impiantistica (-6%). “Il settore – spiega Stefano Gatti, presidente di Cna Costruzioni – ha subito un rallentamento da un lato a causa della pandemia e dall’altro per effetto della grande attese del superbonus al 110%. Il superbonus avrà sicuramente un ruolo chiave nel rilancio della filiera delle costruzioni con benefici su ambiente ed economia. Da qui la nostra richiesta al Governo di prorogare gli incentivi per la riqualificazione energetica fino al 2023. E’ una misura chiave nello sviluppo del paese per i prossimi anni”.

Tornando al bonus, per Cna la strada per favorire l’occupazione dei giovani è quella degli “incentivi e della formazione”. “Il meccanismo di questo bonus – conclude Gatti – è molto semplice. Basta trasmettere al Cert, che è la nostra cassa edile di riferimento, entro 30 giorni dalla data di assunzione dei lavoratori e tramite P.E.C. la richiesta con i moduli prestabiliti. Successivamente la Cert provvederà, entro il 30 aprile ed il 31 ottobre di ciascun anno, a stilare la graduatoria semestrale e riconoscere i bonus alle imprese che rientrano nei requisiti indicati”.