Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Gli imprenditori apuani si preparano alla mobilitazione. «In ballo il futuro di un’intera filiera»

Lunedì 1 marzo la giornata promossa da Confcommercio e Confesercenti. Presidi in tutte le principali città toscane

MASSA-CARRARA – Conto alla rovescia in vista della giornata di mobilitazione generale del mondo del commercio, del turismo e del terziario promossa da Confcommercio e Confesercenti a livello regionale, che vedrà lunedì 1 marzo iniziative di piazza in tutte le principali città toscane per chiedere al governo una diversa gestione dell’emergenza pandemica in atto.

Per quanto riguarda le province di Lucca e Massa-Carrara, gli appuntamenti in programma saranno 3: a Lucca in piazza Napoleone; a Massa in piazza Aranci; a Viareggio in piazza Nieri e Paolini. Per ciascuna di questa manifestazioni il ritrovo è previsto attorno alle 11 con i partecipanti che formeranno una catena umana all’insegna del motto “Sicurezza e lavoro possono convivere”.

Al termine delle manifestazioni, verranno consegnati ai rispettivi prefetti – in quanto rappresentanti del Governo sul territorio – documenti contenenti le richieste del mondo dell’imprenditoria di tutti i settori, nessuno escluso. Confcommercio e Confesercenti, così come già fatto nei giorni scorsi, colgono l’occasione per rinnovare l’invito a partecipare non soltanto agli imprenditori del commercio, del turismo e dei servizi – i primi ad essere colpiti in maniera più diretta dalle gravissime ricadute finanziarie e sociali dell’emergenza covid -, ma anche a tutti coloro che fanno parte della cosiddetta “filiera” legata a questi imprenditori, che a loro volta subiscono dunque le conseguenze delle chiusure e delle restrizioni imposte al mondo del commercio.

“L’iniziativa – spiegano Confcommercio e Confesercenti – abbraccia un intero mondo di persone che va dall’imprenditore al dipendente, per arrivare fino al fornitore. Quando un negozio chiude i battenti, dietro non c’è soltanto il dramma del titolare e della sua famiglia, ma anche quello di chi in quel negozio lavorava. E di chi a quel negozio forniva materiale oppure offriva servizi. Insomma, in ballo c’è il futuro di una intera filiera, che solo nelle province di Lucca e Massa-Carrara abbraccia e coinvolge decine di migliaia di persone e le rispettive famiglie”.

“Per questa ragione – concludono le due associazioni – è importante la massima partecipazione a questa giornata di mobilitazione, che nasce dal mondo del commercio, ma coinvolge anche chi commerciante non è”. A fini organizzativi Confcommercio e Confesercenti invitano gli interessati a comunicare preventivamente la propria partecipazione, scrivendo agli indirizzi di posta elettronica marketing@confcommercio.lu.it o comunicazione@confesercentitoscananord.it indicando il proprio nome, il numero delle persone che lo/la accompagneranno e la sede scelta (Lucca – Massa — Viareggio).