Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Borghini scrive a Draghi: «Per la ristorazione crisi senza precedenti. E i ristori non bastano» foto

L’imprenditore del settore della ristorazione ha mandato una lettera al nuovo premier: «Necessario maggiore coordinamento, non vediamo la luce in fondo al tunnel»

MASSA-CARRARA – Andrea Borghini, imprenditore del settore della ristorazione (AB Food) e presidente di Cna Alimentari Massa Carrara, ha scritto una lettera a Mario Draghi lanciando l’ennesimo allarme per il suo settore.
“Siamo sempre più in difficoltà – spiega Borghini – non è solo una questione di fasce ma di prospettive e di solidità finanziaria. Ci sono aziende, e penso al catering, che in pratica è quasi un anno che non lavorano. Per molti il crollo del fatturato è stato tremendo. Da qui l’idea di scrivere al nuovo premier Draghi”.
Borghini non svela tutto il contenuto della missiva (“Per rispetto delle istituzioni”, spiega) ma elenca i problemi e le proposte fatte.

“Ho nuovamente proposto, come avevo fatto da tempo a livello locale, di istituire dei tavoli di crisi il più possibile trasversali per provare a dare risposte alle aziende in difficoltà. Io parlo per il mio settore perché conosco le sue difficoltà quotidiane. Abbiamo bisogno di almeno un paio di misure tra cui proroga del credito di imposta per i canoni di locazione e sospensione dei mutui fino a fine 2021, estensione delle misure di garanzia statale al 100% su finanziamenti e proroga della cassa integrazione almeno fino a giugno”.

Borghini traccia un primo bilancio del 2020 per il settore del catering: “E’ stato un anno quasi completamente fermo. Pensate solo ai matrimoni: il 90% sono stati rinviati. E quest’anno è ancora una incognita. Ripeto: è un problema finanziario. Servono misure in quel senso, non bastano i ristori”. Infine, Borghini annuncia che presenterà le stesse richieste anche al Prefetto.