LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Regolamento commercio, Confartigianato e Cna dall’assessore Balloni: «Allungare i tempi per insegne, tende e infissi»

Le due associazioni hanno affronto le problematiche legate al regolamento "Per la valorizzazione dei luoghi del Commercio nel centro storico e nel centro città". Altra richiesta riguarda una differenziazione temporale tra le zone individuate

MASSA-CARRARA – Confartigianato e Cna hanno incontrato l’assessore alle attività produttive del comune di Massa, Paolo Balloni, per affrontare le problematiche legate al regolamento “Per la valorizzazione dei luoghi del Commercio nel centro storico e nel centro città”. L’incontro è stato richiesto dalle due associazioni a seguito dei numerosi articoli apparsi sulla stampa in cui molti commercianti e artigiani si lamentavano delle conseguenze di quanto previsto dal regolamento, regolamento sul quale, sottolineavano le associazioni, “sia Confartigianato che Cna non erano mai state coinvolte né nel confronto né nella stesura”. Le due hanno fatto presente che nel perimetro previsto insistono moltissime attività non commerciali ma artigiane, come pizzerie al taglio, estetiste, acconciatori, ecc., tutelate dal Confartigianato e Cna, che quindi avevano il mandato per partecipare al tavolo del regolamento. “Nessuna polemica, comunque – specificano le associazioni -, semplicemente un atto dovuto che ne serva a confermare la rappresentatività”.

L’incontro si è svolto in un clima sereno e l’assessore ha mostrato la massima disponibilità ad accogliere le osservazioni e le perplessità di Confartigianato e Cna, soprattutto sulla tempistica di adeguamento per le insegne, le tende e gli infissi. “Il 2020 è stato un anno particolarmente difficile per le attività – ricordano le associazioni – molte a rischio chiusura, e il 2021 si preannuncia non meno duro sotto l’aspetto economico”. La richiesta è di allungare, di almeno un anno, invece che sei mesi, e tre anni invece che due, i tempi per gli adempimenti suddetti. Altra istanza avanzata quella di valutare una differenziazione temporale tra le varie zone individuate, partendo prima dal centro storico (Piazza Aranci e Piazza mercurio) in modo da avere un primo obiettivo riscontro delle eventuali criticità e apportare le opportune correzioni, e successivamente procedere con le altre zone individuate.

Al termine dell’incontro si è stabilito di avviare una serie di ulteriori confronti tra tutte le associazioni sia dell’artigianato che del commercio.