LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Carrara, consegnati buoni spesa per quasi 92mila euro. Galleni: «Quasi mille richieste, 323 già accolte»

L'assessore al sociale commenta i dati dell'iniziativa: «L'alto numero di domande pervenute conferma, semmai ce ne fosse bisogno, quanto duramente la crisi innescata dalla pandemia abbia colpito la nostra città»

CARRARA – Sono quasi mille le richieste di accesso ai buoni spesa arrivate al settore Sociale del Comune di Carrara entro la scadenza del 31 dicembre: 323 domande hanno già avuto risposta positiva, con un totale di 1824 buoni spesa consegnati per un valore di 91.800 euro. Sono questi in estrema sintesi i dati illustrati alla Commissione Sociale presieduta da Tiziana Guerra, dall’assessore Anna Galleni e dalla dirigente Paola Micheletti in un primo aggiornamento sull’andamento della iniziativa lanciata a sostegno delle famiglie più colpite dalla crisi innescata dalla pandemia.

«Ringrazio il personale del settore e la dirigente per lo straordinario lavoro che stanno svolgendo – ha detto l’assessore al Sociale Anna Galleni – riuscendo nella non semplice impresa di dare risposte puntali e rapide all’emergenza e portare avanti al tempo stesso il lavoro “ordinario”. Il tutto reso ancor più difficile dall’elevato numero di domande pervenute che confermano, semmai ce ne fosse bisogno, quanto duramente la crisi innescata dalla pandemia abbia colpito la nostra città».

Questa seconda tranche di buoni spesa è finanziata attraverso 350.448,74 euro destinati al Comune di Carrara dal Governo col dl Ristori Ter del 23 novembre 2020, a cui l’amministrazione ha potuto aggiungere altri 200mila euro stanziati direttamente dalle casse del Settore Sociale per un totale di oltre mezzo milione di euro (550.448). Ciascun buono ha un valore di 150 euro, oltre 50 euro in più per ogni componente del nucleo familiare,  fino a un massimo di 500 euro.

Le domande di accesso alla misura arrivate nei termini sono state 997. Il personale del settore ha già provveduto ad esaminarne 591: di queste solo 67 hanno avuto esito negativo per mancanza di requisiti e 358 sono state accolte e classificate come “prioritarie”, in quanto pervenute da nuclei famigliari privi di qualsiasi altro sostegno. 323 domande hanno quindi avuto risposta, con la consegna tra la fine di dicembre e i primi giorni dell’anno di 1824  buoni spesa, pari a un valore di 91.800 euro.

L’amministrazione ricorda che gli aiuti verranno erogati fino a esaurimento degli stanziamenti di bilancio: se, una volta esaurite le domande presentate entro il 31 dicembre 2020, fossero ancora disponibili risorse, verranno riaperti i termini per la presentazione di nuove richieste.

I cittadini che hanno presentato domanda nei termini e che non hanno ancora ricevuto il buono spesa devono limitarsi ad attendere la chiamata del settore Sociale che sta provvedendo a contattare telefonicamente tutti gli aventi diritto per fissare un appuntamento per la consegna, che verrà effettuata dal personale comunale. I buoni devono essere utilizzati per l’acquisto di beni di prima necessità in tutti gli esercizi commerciali convenzionati, il cui elenco è pubblicato sul sito web.comune.carrara.ms.it.

Durante il primo lockdown erano pervenute circa 4mila domande a cui è stata data risposta attraverso l’erogazione di 518.983,74 euro: 318.983 erano stati assegnati alla nostra città dal governo, 120.000 erano stati stanziati dall’amministrazione e 80.000 erano arrivati attraverso donazioni private. Con la seconda tranche di buoni spesa, per cui sono a disposizione 550.448 euro, la cifra complessiva destinata alle famiglie carraresi più colpite dalla crisi economica tra la prima fase della pandemia e la seconda, supera dunque il milione di euro.