LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Ristori, alle imprese di Massa-Carrara in media sono arrivati 3.100 euro

L'Agenzia delle Entrate ha diffuso i dati relativi ai contributi per le attività economiche. Nella provincia apuana sono stati erogati in totale oltre 41 milioni

MASSA-CARRARA – Quante sono le attività economiche della provincia di Massa-Carrara ad aver richiesto e ottenuto i cosiddetti “ristori” per le chiusure imposte dal governo per l’emergenza coronavirus? E qual è l’importo che hanno ricevuto dall’Agenzia delle Entrate? La risposta arriva dalla Direzione regionale della Toscana dell’Agenzia delle Entrate che ha diffuso i dati, suddivisi per provincia, relativi ai contributi erogati col decreto Rilancio e coi decreti Ristori.

A livello nazionale il totale dei contributi erogati ammonta a circa 10 miliardi di euro, mentre a livello regionale sono 880 milioni. Massa-Carrara il totale arriva a 41,48 milioni di euro così suddivisi: 28,04 milioni col decreto Rilancio (contributi erogati a 10.150 attività economiche apuane, 2.762,56 euro in media per azienda); 13,44 milioni coi decreti Ristori (contributi erogati a 4.242 imprese, 3.168,32 euro in media per azienda). La media dei due contributi erogati ammonta a 3.168,32 euro.

Numeri che, se confrontati con la media regionale dei contributi erogati, appaiono più contenuti: relativamente al decreto Rilancio, la media erogata ammonta a 2,843,77 euro per attività economica. Più marcata la differenza sui decreti Ristori: 4.030,03 euro è la media toscana, quasi 900 euro in più rispetto a Massa-Carrara.