Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Vertenza Sanac, il Consiglio comunale unanime: «La Regione prenda posizione»

«Bugliani si faccia carico di questi aspetti». Ha commentato Filippo Frugoli, consigliere della Lega e vicepresidente della commissione attività produttive

MASSA – Durante la seduta del consiglio comunale di Massa di ieri, lunedì 23 novembre, è stata approvato all’unanimità il testo elaborato dalla commissione attività produttive, presieduta dal consigliere Marco Battistini, sulla questione relativa alla Sanac e ai suoi operai.

Dopo aver ricevuto i sindacati, infatti, la commissione ha elaborato il testo della risoluzione con uno sforzo corale di tutte le forze politiche in gioco e presenti nella commissione stessa. Un’unione che ha come scopo ultimo quello di continuare a fare luce su una situazione delicata che vede in gioco il futuro di oltre 100 operai.

«La commissione Attività Produttive del Comune di Massa – si legge nel documento – ha recentemente ascoltato i sindacati di categoria sulla situazione ancora in stallo che riguarda i lavoratori Sanac, dalla cui audizione pur­troppo sono emerse novità sconfortanti poiché siamo nuovamente a ridosso della scadenza della fideiussione prevista il prossimo 30 novembre, con l’unico risultato ottenuto fino a oggi della pro­roga della cassa integrazione per un ulteriore anno, senza una reale soluzione alla problematica occupazionale.»

«Siamo consapevoli che la vera battaglia si svolga a Roma tra Governo e Arcelor Mittal, – continua la risoluzione – e che sia necessario chiedere uno sforzo della politica affinché si sostenga l’obiettivo di vedere ancora unito il futuro di Sanac con la realtà tarantina dell’ex Ilva: attualmente unica soluzione per preservare i posti di lavoro dei nostri lavoratori coinvolti. Fino ad oggi purtroppo non sono stati risolutivi gli incontri istituzionali che si sono tenuti al MISE- per cui riteniamo necessario che venga affrontata questa vertenza in maniera ancora più seria, responsabile, incisiva e determinante; avendo in mente un obiettivo chiaro: quello di aiutare i nostri lavoratori a vedere finalmente la luce in fondo al tunnel. E’ altresì importante conoscere il futuro dello stabilimento Ex Ilva: quali trasformazioni Io attendono, cosa prevede il piano attualmente secretato, anche nell’ottica di nuovi processi eco-compatibili. La problematica Sanac giace da troppo tempo sulla scrivania del Governo e non è più possibile indugiare ancora poiché siamo convinti che solo agendo in modo unitario nella medesima direzio­ne, la politica potrà avere maggiore forza per influire sul futuro dell’azienda e dei suoi lavoratori»

Ciò che viene chiesto dal consiglio comunale di Massa è la presenza della Regione nel Mise, per restituire dignità e certezze ai lavoratori e non permettere che un territorio già in estrema difficoltà, come quello di Massa, possa vedere un’altra chiusura. Tanta soddisfazione si cela dietro alla presentazione di questo documento ben accolto sia dalla maggioranza a sostegno del sindaco Persiani, elogiato per il suo continuo impegno a favore degli operai Sanac nei tavoli di lavoro istituiti negli anni passati, sia dalla minoranza che ha criticato l’operato del governo, nonostante le affinità politiche, sottolineando la poco importanza data dai ministri a questo problema.  «Bugliani si faccia carico di questi aspetti». Ha commentato Filippo Frugoli, consigliere della lega e vicepresidente della commissione attività produttive.