LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Crisi Imm, Ferri: «Serve una commissione d’inchiesta con Regione e Comune»

Il deputato di Iv interviene nel dibattito: «Serve un piano per il rilancio». Intanto si attendono risposte dalla giunta regionale

MARINA DI CARRARA – «La Regione Toscana e il Comune di Carrara devono confrontarsi per trovare una soluzione nell’interesse dei dipendenti, della società e del territorio. Le istituzioni competenti devono dare risposte concrete e chiarire. Esiste una responsabilità anche politica». Sono le parole del deputato di Italia Viva, Cosimo Ferri, che interviene sulla crisi di Imm.

«Non si può più rimandare – evidenzia il parlamentare – serve un piano di sviluppo e una ristrutturazione del debito per rilanciare l’azienda. Il piano presentato dalla società deve essere necessariamente aggiornato alla luce dell’emergenza sanitaria e finalizzato all’equilibrio patrimoniale e finanziario dell’azienda, rivedendo costi e analizzando i ricavi per svilupparne tutte le potenzialità.  La ripresa economica, in tutti i settori, nella nostra provincia passa anche dal rilancio della Fiera che può creare opportunità di lavoro e generare un indotto importante».

«Abbiamo potenzialità – aggiunge Ferri – che devono essere ancora sviluppate e che non possiamo vedere morire. Il bilancio di esercizio, che ancora non è stato approvato, offrirà un quadro più preciso, ma probabilmente poco confortante della situazione. Ripartiamo da qui istituendo una commissione d’inchiesta con componenti regionali e comunali: i cittadini devono sapere e conoscere come vengono spesi i soldi pubblici e devono essere coinvolti da vicino. La politica deve dare spiegazioni e chiedere conto di cosa sia successo e quale saranno le prospettive future. Regione e Comune di Carrara devono tagliare ora il nastro del rilancio, della trasparenza e della giusta informazione».

Intanto da Firenze si aspetta che la giunta regionale decida sul futuro dell’azienda pubblica. La riunione che doveva svolgersi a inizio settimana è stata rimandata.