Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Nuovo Pignone, proclamato un altro sciopero

Il presidio sarà venerdì 25 maggio presso la portineria dell'azienda

Più informazioni su

Sono sempre più critiche le condizioni degli operai delle aziende e delle grosse catene. Dopo i dieci posti a rischio all’interno del Centro Commerciale Mare Monti e i continui licenziamenti nelle fabbriche della provincia di Massa-Carrara, è stato indetto uno sciopero di due ore contro il licenziamento di 65 lavoratori del Nuovo Pignone e delle le ditte di appalto e subappalto.

«Lunedì 21 maggio – fanno sapere i sindacati – si è tenuto l’incontro in sede istituzionale con la proprietà di Vivaldi e Cardino, in cui non sono emersi percorsi alternativi finalizzati al ritiro della procedura, confermando quindi i futuri licenziamenti dei lavoratori al 31 maggio prossimo. Nonostante le dichiarazioni rassicuranti rilasciate da più parti, che prevedono il ricollocamento di meno della metà dei lavoratori, vediamo continuare nei fatti il percorso di precarizzazione e di perdita di posti di lavoro in un contesto dove attraverso accordi con istituzioni regionali e nazionali sono stati destinati importanti finanziamenti pubblici, finalizzati anche all’incremento occupazionale stabile di qualità per il territorio» così si conclude la nota delle segreterie provinciali delle varie organizzazioni sindacali.

Il presidio si terrà venerdì 25 maggio presso la portineria della sede del Nuovo Pignone di Massa suddiviso in due turni: dalle 9 alle 11, e dalle 11 alle 13.

Più informazioni su