LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Un bonus verde con detrazioni fino al 36% per combattere lo smog

Su proposta di Coldiretti, agevolazioni per la ristrutturazione di giardini e terrazzi privati

Un bonus verde con detrazioni fino al 36% per combattere lo smog: la proposta di Coldiretti è stata accolta dal governo. Lo scopo è incentivare la cura del verde privato e sostenere il settore florovivaistico che in provincia di Massa Carrara rappresenta, soprattutto nella zona di costa, uno dei principali comparti agricoli.

Era stata proprio Coldiretti, in occasione di un incontro a Pistoia lo scorso anno con alcuni rappresentanti del governo a chiedere di introdurre la detrazione per la cura del verde. “Il florovivaismo – spiega Maurizio Fantini, direttore Coldiretti Massa-Carrara – sta attraversando un periodo non facile. Nella nostra provincia è stato uno dei settori più colpiti dalle recenti alluvioni e dai fenomeni calamitosi come il vento”.

“Siamo soddisfatti che il governo abbia accolto, anche grazie al nostro pressing, la proposta di rendere possibile la detrazione fiscale per le ristrutturazioni di giardini e terrazzi privati e condominiali, in modo da dare ossigeno alle imprese florovivaistiche ed ai livelli occupazionali che sono in grado di sviluppare. Le detrazioni sono un primo segnale di sostegno concreto alle imprese”.

Il bonus ha anche l’obiettivo di combattere lo smog, un’emergenza periodica soprattutto in inverno, ed abbellire le città favorendo la diffusione di parchi e giardini capaci di catturare le polveri e ridurre il livello di inquinamento. Secondo l’ultimo rapporto Istat a Massa Carrara la disponibilità di verde urbano pro capite si è ridotta ulteriormente passando dai 9,7 metri quadrati del 2011 ai 9,3 metri quadrati dell’ultimo rilevamento. Una pianta adulta – spiega Coldiretti – è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili, un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno.

“Si utilizza finalmente la leva fiscale per riconoscere i benefici che derivano alla collettività dalla cura e dagli investimenti privati nel verde, ma si tratta anche – spiega ancora Fantini – di un importante sostegno al settore florovivaistico Made in Italy nella prima regione d’Italia per la produzione complessiva di fiori e piante ornamentali”.

Per informazioni anche www.toscana.coldirett.it e pagina ufficiale Facebook e Twitter