LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

il libro, il cinema e la musica per “Librarian Jacopo da Fivizzano”: i premiati del 2022

Più informazioni su

FIVIZZANO – Per definire meglio il rapporto che esiste tra il libro, indiscusso fondamento della cultura umana, il cinema e la musica basta pensare ad una sala cinematografica che rivive l’emozione di un libro attraverso le immagini e il suono. Il libro, se si vuole, definito, sceneggiato e applicato alle sequenze del cinema prende vita, rivive o forse vive un’emozione nuova e si trasforma in nuova lettura. La pagina scritta rimane meravigliosa, letta nel segreto di una stanza, meravigliosa se esposta in pubblico, in un teatro. Ma il prestigio della pellicola aggiunge qualche cosa che altri non le danno: è l’apporto della moderna tecnologia fotografica, che coglie una serie di sequenze visive e traduce il testo con il suo linguaggio specifico in qualcosa di universale. Ed ecco allora, per ricreare questa sorta di alchimia, al premio Librarian il regista Peter Chelsom, l’attrice Ester Pantano e il musicista cantante Annibale Giannarelli.

Quest’anno il premio Librarian dedicato a Jacopo da Fivizzano, che stampò qui nel 1471, si terrà sabato 20 agosto ore 21 a Fivizzano in Piazza Medicea. Il premio rappresenta e documenta le grandi ragioni per cui Fivizzano è una vera “capitale internazionale” del libro e della stampa, cioè della comunicazione scritta e quindi in sintesi della parola, nell’era del computer.

 

I premiati: il regista Peter Chelsom. Nato a Blackpool, in Gran Bretagna, nel 1956, Peter Chelsom è regista, attore e sceneggiatore. Ha studiato presso la Central School of Drama di Londra, ed ha lavorato come attore per la Royal Shakespeare Company, oltre che per numerose produzioni cinematografiche e televisive. Mentre recitava, Chelsom ha sviluppato un crescente interesse nello scrivere e dirigere film. Dal 1985 al 1988 ha gestito un corso di film televisivi presso la Central School of Drama, ed ha in seguito insegnato presso l’Actor’sInstitute e la CornellUniversity. Dopo il suo primo lungometraggio (Treacle, 1987) ha realizzato diversi film di successo, tra cui Serendipity – Quando l’amore è magia (2001, con John Cusack), ShallWe Dance (2004, con Richard Gere e Jennifer Lopez), Hannah Montana: The Movie (2009) e Lo spazio che ci unisce (2016, con Gary Oldman). Il suo ultimo film, Security (2021), è una produzione tutta italiana ambientata a Forte dei Marmi.

L’attrice Ester Pantano: nata a Catania il 29 giugno del 1990, da piccola Ester pratica la ginnastica artistica a livelli agonistici vincendo titoli regionali e nazionali. Dopo la maturità scientifica si iscrive alla Facoltà di Lingue e Letterature Straniere, che lascia al secondo anno per entrare al Centro sperimentale di cinematografia a Roma. Debutta in televisione nel 2013 interpretando Stella Urso in Una lama di luce, ventiseiesimo episodio della serie Il commissario Montalbano diretta da Alberto Sironi. Dal 2012 recita in diversi spettacoli teatrali, mentre nel 2014 compare nel videoclip musicale All’improvviso degli Zero Assoluto. Tra il 2015 e il 2016 vive per alcuni mesi a Parigi, Pechino e in California dove studia le lingue e partecipa a corsi di recitazione, di ballo e di canto. Nel 2018 è co-protagonista del film per la televisione La mossa del cavallo – C’era una volta Vigata diretto da Gianluca Maria Tavarelli, dove interpreta la giovane vedova Trisina Cicero; nello stesso anno ha un ruolo nel film Notti magiche, diretto da Paolo Virzì. Nel 2019 recita nei panni di una donna della ‘ndrangheta nel film Duisburg – Linea di sangue diretto da Enzo Monteleone, e interpreta l’agente di polizia Jessica Matarazzo nella serie Imma Tataranni – Sostituto procuratore diretta da Francesco Amato. Nel 2021 è co-protagonista della serie Màkari diretta da Michele Soavi, dove recita nei panni della studentessa di architettura Suleima, e riprende il ruolo di Jessica nella seconda stagione di Imma Tataranni. Nel 2022 è ancora interprete nella seconda serie di Makari In questo periodo sta girando il secondo atto di Diabolik

Il musicista e cantante Annibale Giannarelli. Cantante italo-australiano emigrato in Australia con la famiglia. Inizia la sua carriera giovanissimo e all’età di 15 anni ottenne un disco d’oro. Fece da spalla ai concerti di Peppino di Capri e di Mina nella città di Sydney. Nel corso della sua carriera si è esibito in locali e in televisione in tutta l’Australia e in Italia, accompagnandosi alla tastiera e alla fisarmonica, dedicandosi alla musica tradizionale italiana, pop agli standard jazz e ai brani classici. Giannarelli raggiunse la notorietà internazionale grazie all’interpretazione del brano Trinity di Franco Micalizzi, tema principale del film Lo chiamavano Trinità, brano utilizzato successivamente anche nella colonna sonora del film DjangoUnchained Nel 1971 utilizzando lo pseudonimo di Giampiero Muratti ha collaborato con il gruppo I Cugini di Campagna. Nel 1972 utilizzando lo pseudonimo di David King ha cantato le canzoni tema principale dei film Guardami nuda di Italo Alfaro, I bandoleros della dodicesima ora diretto da Alfonso Balcázar e E alla fine lo chiamarono Jerusalem l’implacabile (Padella calibro 38) del regista Antonio Secchi e per lo sceneggiato televisivo Come un uragano musiche Bruno Nicolai. Nel 2014 ha ricevuto la cittadinanza dal suo comune originario e nel 2021 è tornato a vivere in Italia a Sassalbo, in provincia di Massa-Carrara. Nel 2021 ha partecipato alla seconda edizione di The Voice Seniorvincendo la finale il 21 gennaio 2022.

Premiata e ospite speciale la giornalista Ilaria Bonuccelli per il libro “Violenzissima”. Giornalista di inchiesta, Vincitricepremio Cronista dell’Anno 1996 e Premio Giustolisi Targa Senato 2017,  scrive libri di inchiesta sulla violenza di genere. A condurre la serata sarà il camaleontico Fabrizio Diolaiuti.

Più informazioni su