LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

“Sradicata, la vita in versi di Lola Ridge”. Mercoledì la presentazione a Carrara

Più informazioni su

CARRARA – Mercoledì 6 luglio alle 18:30 presso la Dickens Fellowship in piazza Alberica 2 nell’ambito di Attorno al 7 luglio, le donne si muovono, il mondo cambia, manifestazione organizzata da Spazio Alberica in collaborazione con altre associazioni cittadine, Marzia Dati presenta il suo ultimo libro Sradicata, la vita in versi di Lola Ridge (2022, Alterego edizioni). Dati, Dottore di Ricerca in Letteratura Nordamericana svolge attività di ricerca nell’ambita dell’anglistica e della poesia nordamericana. Il libro che presenterà è una raccolta di trenta liriche presentate per la prima volta al lettore italiano, tradotte da Marzia Dati che ne ha curato anche l’introduzione. La storia di Lola Ridge (1873-1941) s’inserisce perfettamente nel contesto delle donne del 7 luglio: pacifista anarchica, impegnata nel movimento per l’emancipazione delle donne, insieme a Emma Goldman e Margaret Sanger fu la portavoce del movimento per il controllo delle nascite e per la diffusione della contraccezione negli Stati Uniti negli anni Dieci e Venti del Novecento, Lola Ridge con coraggio protestò contro la condanna a morte di Sacco e Vanzetti a Boston, che le costò la prigione, fu membro attivo della FerrerAssociation a New York, l’associazione dedicata al pedagogista anarchico Francisco Ferrer, condannato a morte nel 1909, il cui busto in marmo bianco realizzato dallo scultore carrarese Gino Guadagni nel 1913, è stato collocato in Piazza Alberica. La vita di Lola Ridge fu una vita in perenne movimento, sradicata dalla terra di origine, l’Irlanda, emigrò in Australia, Nuova Zelanda per poi stabilirsi a New York. Dai suoi versi emerge quel sentimento di transitorietà intimamente collegato agli spazi geografici del proprio vissuto, come i luoghi dell’infanzia, che riaccendono inevitabilmente ricordi dolorosi. La capacità visionaria è sostenuta da una memoria sensibile e fluida che trova nel monologo interiore la sua più alta espressione. Nel tessuto narrativo che man mano va delineandosi al lettore, si scorge infine un salvifico altrove, ultimo approdo di un’esistenza “migratoria”. Nel suo lavoro Dati mette in luce la condizione di sradicata facendo emergere quanto l’attenzione di Lola Ridge sia rivolto aldoloroso tema, quanto mai attuale, dell’immigrazione.

Più informazioni su