Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Valdo spini: “Sul colle più alto. L’elezione del presidente della Repubblica dalle origini a oggi”

CARRARA – Un appuntamento con la storia e i segreti della politica nelle stanze più importanti della democrazia italiana a Palazzo Binelli: venerdì 3 giugno, alle ore 18, sarà infatti presentato il libro di Valdo Spini “Sul colle più alto. L’elezione del presidente della Repubblica dalle origini a oggi” (Solferino editore, 2022), alla presenza dell’autore. Valdo Spini è stato ministro del governo italiano, sottosegretario di Stato, dirigente del Partito socialista italiano ed eletto ininterrottamente alla Camera dei deputati dal 1979 al 2008, anche nelle circoscrizioni che contenevano la provincia apuana, quella di Pisa per ottava e nona legislatura, e quella Toscana, dalla dodicesima alla quindicesima legislatura. Figura di alto rilievo nel mondo della cultura e della politica, da sempre legato al nostro territorio. Coordina l’iniziativa la professoressa Giovanna Bernardini. Parteciperà alla presentazione il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, Enrico Isoppi. Nella sua opera Spini ripercorre regole e storie delle elezioni del presidente della Repubblica Italiana, da De Gasperi a Mattarella, i vari protagonisti, cercando di capire e approfondire i perché rappresenti un avvenimento politico importante e imprevedibile nel suo sviluppo, avvincente persino nell’opinione pubblica nazionale. Una ricostruzione dettagliata di cui i vari presidenti sono stati eletti e di come sono arrivati alla carica rappresentativa più alta della Repubblica. Sono quattordici vicende che fanno quasi tutte storia a sé perché presentano svolgimenti molto diversi tra loro, a seconda degli anni, dei protagonisti e del contesto politico. Ma i tratti comuni non mancano: la volontà del Parlamento come corpo collettivo, il ruolo dei singoli parlamentari e anche le insidie rituali come quella dei cosiddetti «franchi tiratori», di chi è entrato papa in conclave e ne è uscito cardinale.