Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Lo scrittore e viaggiatore Matthias Canapini ospite ad Aulla e Massa

Più informazioni su

MASSA-CARRARA – Arci Massa Carrara si appresta ad ospitare Matthias Canapini, autore de “Il Gioco Dell’Oca- quaderni di frontiera” pubblicato da Prospero Editore, dove vengono ripercorse le principali rotte dei migranti che dall’Africa subsahariana al Medio Oriente si snodano fino al cuore d’Europa.

Parlare di migranti (viaggi, frontiere, accoglienza) è parlare dell’idea di mondo, di umanità che vogliamo e che ci vede arci impegnata nel quotidiano,anche a Massa Carrara,  nel difendere i diritti fondamentali per tutte e tutti, difendere il diritto a migrare e promuovere politiche di pace, solidarietà, inclusione.

Il primo incontro è previsto per venerdì 3 giugno ad Aulla col circolo Agogo, mentre sabato 4 giugno sarà la volta di Massa assieme al circolo Trentuno Settembre. Alcuni brani  del “quaderno” di Canapini saranno il pretesto per avviare una riflessione anche con l’autore su fenomeni migratori, accoglienza e l’impatto che questi generano sulle comunità ospitanti.

VENERDI 3 GIUGNO alle 17,45 presso i giardini M. Guidoni di Aulla (MS): OLTRE IL CONFINE- incontro. Storie di frontiera- Matthias Canapini autore del libro Il Gioco dell’Oca,quaderni di frontiera. Accogliere perché- Marco Rossi direttore progetti accoglienza SAI arci Toscana. Esperienze d’integrazione- Francesca Formaini, coordinatrice per arci del progetto di accoglienza SAI- SDS Lunigiana. Intervengono le associazioni del territorio. Presenta Oreste Verrini.

SABATO 4 GIUGNO, 18,00, presso Bar Ecuador, Massa. IL GIOCO DELL’OCA, QUADERNI DI FRONTIERA, presentazione del libro. Letture a cura del circolo arci 31 Settembre. Intervengono: Matthias Canapini, autore; Francesca Formaini, coordinatrice per arci del progetto di accoglienza SAI SDS Lunigiana; Adriana Riccardi presidente arci Massa Carrara

Organizzano Arci Massa-Carrara, circoli Arci Agogo Aulla e Trentuno Settembre, in collaborazione col Comune di Aulla e col progetto di accoglienza Sai Sds Lunigiana.

 

Più informazioni su