Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

“Ancora ascolto una rosa”, terzo appuntamento a Palazzo Ducale

Più informazioni su

MASSA – Venerdì 3 giugno alle 11.00 si terrà presso la sede della Provincia di Massa-Carrara, Palazzo Ducale, il terzo appuntamento della rassegna “Ancora ascolto una rosa” realizzata in occasione della Festa della Toscana 2021 dall’Istituto Valorizzazione Castelli in collaborazione con la Delegata alle Pari Opportunità della Provincia di Massa-Carrara, Elisabetta Sordi, e con la Consigliera di Parità, Diana Tazzini.
Ospite dell’incontro: Giulia Bosetti! Giulia Bosetti è giornalista d’inchiesta della Rai, dal 2012 inviata e autrice di Presadiretta programma televisivo di approfondimento giornalistico su Rai 3. Ha lavorato per L’infedele di Gad Lerner su LA7, Annozero, Servizio pubblico e M di Michele Santoro. Per le sue inchieste internazionali ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Ischia Internazionale di Giornalismo come giornalista televisivo dell’anno per l’inchiesta Chi ha ucciso Giulio Regeni? nel 2017, e il Premio Colomba d’Oro per la Pace per La dittatura delle armi nel 2021.

L’appuntamento, coordinato dalla Consigliera di Parità Diana Tazzini, sarà una nuova occasione per  riflettere sul ruolo delle donne nella società e uno stimolo per una rilettura profonda dei modelli di genere come chiave della lotta all’odio e alla violenza.
Realizzato grazie al contributo del Consiglio Regionale, il progetto Ancora ascolto una rosa, prendendo in prestito il titolo di una poesia di Sibilla Aleramo,  intende infatti celebrare la Festa della Toscana , quale solenne occasione per meditare sulle radici di pace e di giustizia del popolo toscano, declinando il tema della lotta all’incitamento all’odio, attraverso un percorso di narrazione alternativa dell’universo femminile in contrasto all’adeguamento a rigide imposizioni di norme ed aspettative che riguardano il genere femminile come condizione atemporale e universale, finalizzate esclusivamente e coercitivamente a definire senza oscillazioni di sorta il «giusto posto» di ciascuno nella società, con ruoli, codici, abitudini, costumi ben definiti e fossilizzati.

Più informazioni su