Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Sviluppo urbano sostenibile, le carta e la dichiarazione di Carrara vengono condivise e diffuse pubblicamente

Si tratta del lavoro sviluppato a settembre dagli esperti di arte, artigianato, architettura, economia e comunicazione delle 11 Città Creative Unesco italiane

Più informazioni su

CARRARA – Emerse al confronto tra i rappresentanti delle 11 Città Creative Unesco italiane riuniti per la prima edizione di Creativity Forum. Carrara for the Creative Cities (24 – 26 settembre 2021), oggi la Carta di Carrara sull’arte e l’artigianato come strumenti per lo sviluppo urbano sostenibile e la Dichiarazione di Carrara sul ruolo dell’artista e dell’artigiano vengono diffuse e condivise pubblicamente.

Il lavoro degli esperti di arte, artigianato, architettura, economia e comunicazione provenienti da Alba, Parma, Biella, Carrara, Fabriano, Bologna, Pesaro, Milano, Roma e Torino ha portato alla stesura della Carta di Carrara sull’arte e l’artigianato come strumenti per lo sviluppo urbano sostenibile, nata con l’obiettivo di tracciare una road map sullo sviluppo sostenibile dei centri storici offrendo una serie di indirizzi e azioni per le città e i territori, in grado di attivare, attraverso l’arte e l’artigianato, nuove modalità di rigenerazione, cura e equilibri dinamici, che sia un esempio per ogni città che voglia intraprendere questo percorso.

Promuovere le città di prossimità e le città orizzontali, attuare un approccio ecologico e sistemico alla società, favorire l’intersettorialità e la scalarità delle politiche, accogliere nuovi modelli di lavoro e produzione, sottolineare la centralità dell’arte e dell’artigianato all’interno di città-laboratorio, mappare ecologie del saper fare, incrementare la trasmissione e l’apprendimento della cultura materiale, sostenere la flessibilità temporale, la partecipazione e il coinvolgimento della comunità, lavorare su creatività, inclusione, educazione all’accoglienza, elaborare processi di accessibilità culturale come forma di cura: queste le linee guida del documento che è stato simbolicamente consegnato al Sindaco di Carrara, al Coordinamento Italiano delle Città Creative e presentato al Segretariato Unesco per il Creative Cities Network.

Un diverso gruppo di lavoro – composto da Club per l’Unesco Carrara dei marmi, A.P.S. Oltre, CNA Massa-Carrara, Confartigianato Massa-Carrara, Assocastelli – Stati Generali del Patrimonio Italiano, Camera di Commercio di Massa-Carrara, Istituto A. Gentileschi, Accademia di Belle Arti di Carrara, Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, Istituto Valorizzazione Castelli, Fondazione Marmo, Fondazione Donne Del Marmo e coordinato da Itki Foundation e dal Comune di Carrara – ha sviluppato il secondo documento: la Dichiarazione di Carrara sul ruolo dell’Artista e dell’Artigiano. Attraverso l’analisi della filiera lavorativa e lo studio di esigenze e aspirazioni son state immaginate soluzioni di sviluppo adatte alle professioni creative ponendo l’attenzione su come artisti e artigiani possano operare per la trasformazione sociale del territorio. Ne è scaturita una dichiarazione di respiro internazionale per riconoscere il ruolo dell’artista e dell’artigiano attraverso una serie di azioni prioritarie capaci di valorizzatore le identità locali e co-disegnatore delle città negli scenari post-pandemici.

Il documento, condiviso con le Città Creative Italiane e con la Città di Paducah (USA) coordinatore delle Città Creative per l’Artigianato e le Arti Popolari, suggerisce di promuovere i principi sostenuti dalle agenzie nazionali e le Chair Unesco, la partecipazione di tutti i livelli istituzionali, la società civile, gli accademici al fine rafforzare le capacità di tutte le città nell’affrontare argomenti, obiettivi e traguardi specifici, e caldeggia, a tutti i livelli di governo, l’adozione della stessa dichiarazione e l’allocazione di risorse adeguate al fine di implementarla e integrarla nel piano strategico delle politiche culturali per lo sviluppo urbano Sostenibile di ogni città.

Durante il meeting di presentazione, svolto in occasione del Creativity Forum, la città di Carrara è stata nominata vice coordinatore del cluster e affiancherà così la città di Paducah peri i prossimi due anni al fine di promuovere la dichiarazione presso le 63 Città Creative per l’artigianato nel mondo. Carrara acquisisce dunque un ruolo di prestigio a livello internazionale amplificato dalla partecipazione al 3° Congresso Mondiale Unesco sulla transdisciplinarietà che ha avuto milioni di utenti collegati in circa 12 mesi di incontri e confermato grazie alla partecipazione ad alcuni degli eventi autunnali più importanti del circuito realizzati dalle citta italiane come Torino Design the City, i Cinedays di Roma e Milano Book City.

Più informazioni su