Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Le Istituzioni Informano di La Voce Apuana - Comune di Carrara

Matteo Incerti e Diletta Pizzicori alla rassegna “Salotti d’Autore e Salotti di Dante”: green pass necessario

Più informazioni su

CARRARA – La rassegna “Salotti d’Autore e Salotti di Dante” prosegue venerdì 6 agosto con Matteo Incerti che presenta il suo libro “I bambini del soldato Martin” (Corsiero Editore): l’incontro sarà introdotto dal Presidente della Commissione Cultura del Comune Cesare Bassani. Matteo Incerti, giornalista, ha collaborato con Il Fatto Quotidiano, Radio Bruno, la rivista Valori.it, Il Resto del Carlino e Il Gazzettino. Il Bracciale di Sterline, scritto con Valentina Ruozi,  è il suo primo romanzo storico,  riproposto in versione aggiornata da Corsiero editore, a cui sono seguiti Si accende il buio con Johannes Lubeck, Il paradiso dei folli , Il suonatore matto. I pellerossa che liberarono l’Italia(2020) è il suo romanzo più recente, sempre pubblicato da Corsiero Editore.

Martin Adler, protagonista de I bambini del soldato Martin, è un giovane americano, figlio di immigrati ebrei ungheresi; il quale poco più che ventenne decide di arruolarsi  per combattere il nazifascismo in Europa. Prova sulla sua pelle l’odio razziale da parte di alcuni commilitoni e nel 1944 sbarca alle pendici del Vesuvio. Avanzando verso nord, dapprima sulla linea Gustav e poi sulla linea Gotica, diventa un cecchino, perdendo la propria innocenza. Martin esorcizza l’orrore della guerra scattando centinaia di fotografie e disegnando cartoline, che spedisce alla famiglia in America. Nei pressi di Monterenzio nel bolognese si fa ritrarre in uno scatto che, alcuni decenni dopo, ha fatto il giro del mondo: il soldato è insieme a tre bambini, che la madre aveva nascosto in una cesta di vimini, per proteggerli dai tedeschi. Quell’incontro rimane impresso in modo indelebile nei suoi ricordi e, grazie a un appello lanciato sui social network, Martin Adler riesce a realizzare il desiderio di ritrovarli. Una volta rientrato in America, lotta appassionatamente per i diritti dei più fragili.

Sabato 7 agosto, la rassegna ospita Diletta Pizzicori con il suo  “I nostri anni leggeri” (Sperling & Kupfer): la presentazione sarà affidata a  Manola Fabbiani. Diletta Pizzicori è nata a Firenze  ed è cresciuta a Vaiano, un paese alle porte di Prato. Ha sempre avuto la testa fra le nuvole e da bambina sognava di diventare parrucchiera, poi veterinaria, pittrice e infine scrittrice. Oggi è molte cose – mamma, archeologa, lettrice – ma non ha perso la capacità di sognare e di inventare storie. Nel libro, ambientato a Oxford nel  1993,   incontriamo  le cugine Julia e Martha Parker che, dopo la morte della nonna, frugano tra i vecchi ricordi in mansarda, alla scoperta di un passato di cui hanno sentito tante volte parlare, ma che ricordano appena. La verità che emerge dalle fotografie in seppia e dai vecchi diari della nonna Leticia riguarda il grande amore della sua vita e un doloroso segreto di famiglia che risale al 1919 quando la famiglia Parker torna a  Meretto, paesino in Val di Bisenzio. Il giovane Primo Gualtieri, figlio del giardiniere della loro tenuta, teme che questo ritorno rompa i precari equilibri della sua famiglia, mentre l’Italia è attraversata da scioperi e proteste e quella vallata toscana si trasforma in una piccola roccaforte «rossa». Quei tumulti si fanno sentire anche a Meretto, ma con echi distanti che si perdono tra la quiete dei boschi e l’amicizia riscoperta di Leticia, Parker, e Primo, in un’estate che cambierà le loro vite per sempre.

“Salotti d’Autore e Salotti di Dante” sono organizzati dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Carrara, con la collaborazione della Biblioteca Civica e delle librerie Bajni, Mondadori Bookstore, Nuova Avventura e La Bottega di Aronte,  Gli appuntamenti, con inizio alle ore 21.00, si svolgono nel giardino di  Palazzo Binelli, in via Verdi 7 a Carrara, grazie all’ospitalità della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara.  L’ingresso è libero, con prenotazione obbligatoria  telefonando al numero 335/8343272, da lunedì a domenica, dalle ore 18.00 alle 20.30.  Si ricorda che dal 6 agosto, come previsto dal Decreto approvato dal Governo, per fronteggiare l’emergenza Covid-19, sarà necessario esibire all’ingresso il green pass che certifichi l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dalla malattia o l’esito negativo di un tampone effettuato entro le precedenti 48 ore.

Più informazioni su