Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Capitale italiana del libro, Pontremoli se la gioca con altre cinque finaliste foto

Un'iniziativa del Ministero della Cultura volta a promuovere la lettura

PONTREMOLI – Già patria del Premio Bancarella, il borgo lunigianese si è candidato ed ha conquistato la finale tra le città che si contendono il titolo di “Capitale italiana del libro”, insieme ad Ariano Irpino, Caltanissetta, Campobasso, Cesena e Vibo Valentia. Una tradizione antica, quella del libro, che per la Lunigiana ha radici molto profonde, a partire dai librai di Montereggio fino ad arrivare ai Salotti letterari e ai premi di portata nazionale.

Il conferimento del titolo, di iniziativa del Ministero della Cultura, ha la finalità di favorire progetti, iniziative e attività per la promozione della lettura, e avviene all’esito di un’apposita selezione. Il vincitore potrà ottenere un finanziamento di un massimo di 500 mila euro.

Nella prima edizione è stato conferito, su proposta del Ministro della cultura, al comune di Chiari in provincia di Brescia, uno dei paesi più colpiti dalla epidemia da Covid-19 che nei mesi più duri del lockdown ha trovato proprio nella lettura, compiuta attraverso i canali social dell’amministrazione, uno degli strumenti per sostenere la comunità.

Venerdì 7 maggio alle ore 11.00 si terrà la cerimonia di proclamazione della città vincitrice, trasmessa online sul canale Youtube del Ministero della Cultura e presieduta dal famoso libraio Romano Montroni e dal Ministro della Cultura Dario Franceschini. «Grande soddisfazione da parte dell’Amministrazione e della popolazione – dichiarano dal palazzo comunale pontremolese – che da oggi fa il tifo per la Città del Libro. Forza Pontremoli!»