Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Urban e pop art a ‘Torano Notte e Giorno’: Carlo Galli e Domenico Pellegrino i primi ospiti della rassegna foto

I due artisti vivranno nel piccolo borgo di Carrara per tutto il periodo della prossima edizione in programma dal 27 luglio al 13 agosto e lavoreranno a stretto contatto con gli artigiani del marmo

CARRARA – Lo urban artist internazionale Carlo Galli e l’artista pop e designer siciliano, Domenico Pellegrino, sono i primi due ospiti della residenza artistica di “Torano Notte e Giorno”, intitolata all’amatissimo Bernardo Rossi. I due artisti vivranno per tutto il periodo della prossima edizione della rassegna internazionale di scultura in programma nel piccolo borgo di Carrara dal 27 luglio al 13 agosto e lavoreranno a stretto contatto con gli artigiani del marmo. Entrambi provengono da esperienze artistiche e tecniche molto distanti e diverse tra di loro: Carlo Galli da quella della urban street e della Tape Art, Domenico Pellegrino da quella contemporanea. Le sculture che realizzeranno a Torano, durante il periodo della loro residenza, diventeranno patrimonio della comunità di Torano.

“Le due opere – spiega Emma Castè, direttore artistico della kermesse – inizieranno il percorso di costituzione del parco della scultura toranese. Le loro donazioni apriranno una nuova prospettiva per il borgo che vuole vivere nelle intenzioni del comitato Pro Torano tutto l’anno. Sia Carlo Galli che Domenico Pellegrino hanno già avuto contatto con la realtà di Torano. Carlo Galli ha realizzato nel 2019 il murales che si trova all’ingresso del borgo mentre Domenico Pellegrino ha partecipato ad un’edizione della rassegna con i suoi supereroi che richiamano i colori ed i temi della Sicilia. Conoscono bene lo spirito della manifestazione e ne hanno grande rispetto. Sono due mondi diversi che a Torano si incontrano per sprigionare dal marmo un nuovo concetto artistico”.

Ai due artisti sarà garantito vitto ed alloggio, oltre alla materia prima, il marmo, che potranno lavorare all’interno di un studio di scultura a stretto contatto con gli artigiani locali. “E’ pensando a Bernardo, anima della manifestazione venuto a mancare nel 2020, che ho trovato molte analogie tra lui e il progetto: l’apertura verso gli altri, l’amore per la manifestazione Torano Notte e Giorno, la dedizione verso il Marmo e l’entusiasmo nel presentare il territorio a chi non lo conosce. – racconta Castè – Il Comitato Pro Torano, e la famiglia di Bernardo, hanno dimostrato ancora una volta il grande amore per questa terra e per questa manifestazione che è riuscita a diventare, soprattutto grazie alla passione di persone come Bernardo e Franco Borghetti, altro paesano a cui è dedicato il premio Torano Notte e Giorno, un punto di riferimento della comunità artistica nazionale. Torano è una piccola realtà con un cuore sconfinato”.