Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Otto marzo, il tributo di Renzo Cantarelli

Il video ritrae moltissimi visi di donne di Carrara (e dintorni), catturate in altrettante espressioni spontanee

Oggi 8 marzo, Festa della Donna, è uscito il secondo singolo del cantautore carrarese Renzo Cantarelli, estratto dall’album “Caleidoscopio”, ormai in fase di conclusione. Il brano è intitolato “La mia canzone per te” ed è dedicato all’universo femminile, con un videoclip, le cui foto sono state realizzate dal fotografo Davide Giovanelli e la post produzione da Simone Tarca. La canzone è un omaggio al mondo femminile, osservato dal punto di vista ammirato di un uomo ed è anche un tributo alla bellezza del territorio apuano: il video, infatti, ritrae moltissimi visi di donne di Carrara (e dintorni), catturate in altrettante espressioni spontanee. Un filmato, quindi, da conoscere e da riconoscere, accompagnato dalla poesia musicale di Cantarelli. «La canzone è una dedica alle donne, ne descrive uno spaccato, fatto di sguardi, di espressioni – spiega il cantautore – Racconta lo stato emotivo che solo gli occhi, la bocca o semplicemente un respiro, riescono a manifestare. Ho chiesto a Davide che con la sua macchina cogliesse i momenti tra i più significativi e devo dire che è riuscito perfettamente nell’intento».

Prodotto da Mirko Mangano per Media Wave, il pezzo è stato suonato da Emanuel Bonaccorsi, Lorenzo D’Angelo e Mirko Mangano e, oltre che sul web, potrà essere scaricato sui portali o ascoltato in radio e in tv. «Oltre a un omaggio per le donne – prosegue Renzo – il brano e il video si rivolgono anche agli uomini, spesso distratti e superficiali. Dovremmo imparare a riprenderci il tempo indispensabile per saper leggere dagli sguardi lo stato d’animo, cogliere dalle espressioni i momenti di gioia, stupore ma anche di rabbia e dolore. Questo sono le donne, con le loro complessità, la loro capacità di trasmettere e ricevere emozioni. Spero che questo nostro lavoro venga capito e apprezzato anche per i motivi e gli spunti di riflessione che offre».

(Fonte:DDF)