LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

“Martedì”, ecco il nuovo singolo della cantautrice Erica Salvetti

Più informazioni su

CARRARA – Dal 15 gennaio è disponibile su tutti gli store digitali “Martedì”, il nuovo singolo della cantautrice Erica Salvetti. Erica, da poco laureata in Scienze Sociali presso l’università di Pisa, insegue il sogno della musica fin da quando, a undici anni, si è iscritta a una scuola media ad indirizzo musicale per poi iniziare a studiare canto. Studio che continua tutt’ora con Vincent Masini e Sabrina Ceccarelli dell’associazione musicale Musicamia di Lido di Camaiore. All’attivo conta già 4 singoli.

Il brano “Martedì”, prodotto in seguito alla vittoria del Limatola Festival 2019 (Caserta), è stato presentato alle selezioni per Sanremo Giovani 2020 e vede la collaborazione di importanti nomi del panorama musicale; l’arrangiamento è infatti stato curato da Nicco Verrienti (autore e produttore per Emma, Francesco Renga, Chiara Galeazzo, Giusy Ferreri, Alessandra Amoroso e molti altri), mentre il mix e il mastering sono stati affidati a Francesco Lo Cascio (tra i suoi lavori recenti il mix dell’ultimo album di Dardust e Roberto Casalino).

“Martedì” porta la firma dalla stessa Erica Salvetti, di Francesco Caudullo e del Maestro Vincenzo Masini. Con un arrangiamento essenziale ma di impatto il brano ci trasporta in un’atmosfera pop, la quale si coniuga con la vena più moderna del cantautorato.  “Martedì”, scritta un anno prima dell’avvento della pandemia globale che tutt’oggi ci affligge, riesce inspiegabilmente a catturare l’essenza di una mezza solitudine che oggi condividiamo un po’ tutti. Il brano nasce da un’esigenza profonda della cantautrice di raccontare una quotidianità spezzata, a metà, ma della grande voglia di continuare a cercarsi e trovarsi; non si parla prettamente di amore, ma si parla di legami, di relazioni tra le persone. “Martedì” propone una lezione, che è quella del saper aspettare ma anche del saper accogliere; accogliere ogni piccolo gesto e prendersene cura al fine di preservare il bello, altrimenti non curandosi di ciò il rischio è di finire a “cercare il mare negli angoli di un appartamento”.

Più informazioni su