LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

In bici fino a Sanremo e sulle colline di casa: Francesco Gabbani vince il premio Pensieri&Pedali 2020

Il cantautore carrarese è stato premiato di da Ancma ed Euromobility questa mattina, durante la conferenza MobyDixit sul mobility management e la mobilità sostenibile

CARRARA – Francesco Gabbani vince il premio Pensieri&Pedali 2020. Il cantautore carrarese è stato premiato di da ANCMA ed Euromobility questa mattina, durante la conferenza MobyDixit sul mobility management e la mobilità sostenibile, giunta quest’anno alla 20^edizione. Alla tavola rotonda hanno partecipato rappresentanti di aziende pubbliche e private, del modo della scuola e di quello universitario, oltre che mobility manager di area.

Gabbani, vincitore del 67esimo festival di Sanremo, ha infatti raggiunto la “capitale dei fiori” in bici e usato la sua fedele compagna per stemperare lo stress prima dell’esibizione. E quando può la utilizza sulle colline di casa sua per sfogare le tensioni e per ammirare l’ambiente apuano che lo circonda. Non lo fa perché “il portamento atletico, il trattamento estetico sono di moda”, ma perché la bici “lo fa stare bene anche quando sta male”.  Queste le ragioni per cui Euromobility ed Ancma hanno deciso di decretare il cantante di Carrara quale vincitore del Premio “Pensieri & Pedali 2020”.

La Conferenza è stata organizzata da Euromobility, con il patrocinio di ANCMA, Fiab, Legambiente e Ministero dell’Ambiente e con il contributo di CRAS, Plat4MM, Shotl e SCRAT. Sponsor dell’evento Ferrovie dello Stato.

“La bicicletta per me rappresenta il concetto di libertà – ha dichiarato Gabbani nel corso della premiazione – perché è un mezzo che ti dà la libertà di scegliere la strada da fare, se andare, ad esempio, sull’asfalto o sullo sterrato. Però poi ti devi prendere delle responsabilità delle scelte che hai fatto, perché dal momento che ti prefiggi una meta devi accettare poi anche il sacrificio che comporta”.

Presente alla videoconferenza anche l’ex professore dell’istituto Zaccagna Riccardo Canesi, che dopo essersi congratulato con il concittadino gli ha posto una domanda: “Il Covid ci ha costretto a rivedere le nostre abitudini – ha osservato – però da un certo punto di vista, quello della sostenibilità ambientale, non sempre in peggio. Pensi che gli italiani cambieranno stile di vita nella mobilità oppure torneremo, passata la bufera, alle solite abitudini poco ecologiche?”

“Più che crederlo – gli ha risposto Gabbani – ho fiducia in questo. Mi auguro che tutta questa situazione, che prevede delle mancanze rispetto a quelli che erano i comfort e le abitudini quotidiane, ci abbia messo davanti agli occhi la rivalutazione di certi valori. Il fatto di apprendere nuovamente la bellezza di certi aspetti della nostra vita. Mi auguro che questa consapevolezza dello spostarsi in bicicletta rimanga forte e non si ritorni ad adagiarsi su quei comfort che alla fine comfort non sono, perché portano ad un degrado del nostro pianeta”.