LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

L’arte arriva in città: quattro murales ispirati a Massa sulle pareti dell’ex mercato coperto foto

L'artista Giannotti: «I disegni fanno parte di alcuni schizzi su un mio taccuino. Ho sempre cercato un modo per portarli all'esterno e ringrazio Cinzia, il sindaco e la giunta per aver raccolto questa mia volontà»

MASSA –  L’arte esce fuori dai confini museali e arriva in città, precisamente sulle facciate dell’ex mercato coperto di via Bastione con quattro murales ispirati al territorio massese: una torre Fiat pendente, un castello Malaspina con le sue tante cose da fare e da visitare, un mercato “scoperto” e tre rappresentazioni delle varie zone della città stilizzate realizzate e pensate dall’artista Aldo Giannotti che ha voluto regalare alla sua città natale una parte si sé. I murales sono stati inaugurati ieri, giovedì 29 ottobre, alla presenza del sindaco Francesco Persiani, dall’assessore Nadia Marnica, del capo di gabinetto Daniele Pepe, del delegato alla costa Marco Amorese, Paola Angeli del servizio cultura comunale, della neo direttrice del museo Gigi Guadagnucci, Cinzia Compalati e dell’artista.

Il progetto per Massa nasce quest’estate quando l’artista, intervistato per le pitture murali realizzate in molte città estere, ha espresso attraverso i media locali il desiderio di crearne una anche per la città in cui è cresciuto. L’amministrazione ha colto la chiamata con l’intento di dotarsi di un intervento artistico di qualità a beneficio di tutta la cittadinanza individuando nell’area dell’ex mercato coperto di via Bastione il luogo adatto per la sua realizzazione, avvenuta tra il 27 e il 28 ottobre scorso. «Ringraziamo Giannotti per questa ventata di novità – ha detto il primo cittadino durante l’inaugurazione – E’ un’occasione per ri valorizzare e dare nuova vita ad uno spazio cittadino. Sono sicuro che le opere verranno apprezzate da tutta la cittadinanza. Grazie Aldo per aver voluto dedicare e donare queste opere alla tua città – ha concluso Persiani – te ne siamo grati». «Quando ho visto questa serie di disegni su Massa, che è molto più ampia di questi quattro che sono stati scelti, immediatamente mi ha colpito il fatto che come sempre Aldo riesca a vedere la realtà, a disilludersi difronte ad essa, ma che attraverso il suo filtro riesce a sorprenderci e a farci divertire – ha commentato Compalati – Sono lavori contemporanei, essenziali ed iconici ma che danno una risposta e un’alternativa alla realtà che normalmente non c’è».

«I disegni fanno parte di alcuni schizzi su un mio taccuino – ha spiegato Giannotti – ogni volta che torno a Massa disegno qualcosa. Ho sempre cercato un modo per portarli all’esterno e ringrazio Cinzia, il sindaco e la giunta per aver raccolto questa mia volontà e per aver reso possibile tutto questo. I miei disegni sono sempre relazioni con il reale e con quello che mi circonda, cerco sempre di racchiudere delle complessità e di riportarle nel suo snodo più semplice possibile, sia a livello grafico che di messaggio». Giannotti, nato a Massa, si è formato all’Accademia di Belle Arti di Carrara poi in quelle di Londra e di Monaco di Baviera. E’ un artista interdisciplinare, un fumettista e un disegnatore creativo che coglie e filtra la realtà attraverso schizzi su carta che messi insieme costruiscono un’analisi lucida e allo stesso tempo sagace del mondo e dell’esistenza. Nei lavori di Aldo Giannotti – che vive a Vienna da vent’anni – c’è un’attenta e continua riflessione sul presente e la realtà che lo circonda  da cui riesce a cogliere e a mettere in evidenza punti di vista sempre nuovi, diversi ed inediti.  La sua arte consiste nel cogliere la realtà attraverso disegni che sono un’ interrelazione continua tra spazio fisico e simbolico, nell’idea che vi sia un’intima connessione tra la maniera in cui uno spazio è organizzato e la tendenza a comportarsi in un modo particolare al suo interno.