Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Accademia, Massari nominato direttore: «Pronti a tornare alla normalità»

Dal ministero dell'Università è arrivato il decreto. Resta la riserva, viste le vicende legali in cui è coinvolto

Luciano Massari è stato nominato direttore dell’Accademia delle Belle Arti di Carrara. Rieletto a giugno dal corpo docenti, ha lavorato in regime di prorogatio fino a dicembre, poi, il 25 maggio, dal Ministero dell’Università è arrivato il decreto di nomina. Si tratta di una nomina con riserva al momento considerate le vicende legali in cui il direttore è coinvolto per conflitto d’interessi, ma che consentirà a Massari di esercitare il suo ruolo nel pieno delle sue funzioni.

Massari ha già rassicurato gli studenti, i docenti e il personale di “essere pronto per l’immediata e piena riassunzione delle sue funzioni, allo scopo di traghettare l’istituzione fuori dal periodo di eccezionale difficoltà in cui è venuta a trovarsi” . E che si adopererà da subito “per la rapida e corretta organizzazione e comunicazione delle sessioni di esami e tesi, per l’applicazione del protocollo anticontagio già redatto dal responsabile della sicurezza al fine di ripristinare alcune attività in presenza, e per approntare le condizioni che permettano il graduale ripristino degli organi istituzionali”.

A Massari spetterà anche il compito di trascinare l’Accademia fuori dall’emergenza Covid-19, e ha già fatto sapere che affronterà il problema “in modo tale che si possa risolvere senza alcun danno né economico né formativo per gli interessati”, nella consapevolezza che “il rientro alla normalità non sarà immediato, ma sarà fatto ogni sforzo affinché possa essere il meno accidentato possibile”.

Infine, il direttore ha ringraziato il presidente dell’Accademia, Antonio Passa, e la direttrice amministrativa, Maria Ferraro, “per lo straordinario sforzo profuso per garantire le attività dell’Accademia in questo periodo lungo e difficile”, oltre ai presidi delle scuole e al personale docente e non docente “per essersi adoperati ai fini di garantire, pur nell’eccezionalità della situazione, la tutela del diritto allo studio dei nostri studenti”.