LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Sabato 17 febbraio torna il Carneval profano, all’insegna della mitologia classica

Sarà la prima edizione senza il contributo dell'amministrazione, sostenuta da cittadini, commercianti, imprenditori e scuole

La V edizione del Carneval Profano si terrà sabato 17 febbraio ad Avenza, a partire dalle ore 15:00. La celebrazione, come di consueto, è ispirata agli antichi carnevali di tradizione contadina, che culminavano con il rogo di un grande falò o con la bruciatura di un fantoccio dalle sembianze antropomorfe. Un rito che doveva propiziare i frutti di una nuova generosa stagione.

Il tema della V edizione saranno i cicli narrativi del mondo greco-romano. Le scuole di Avenza e di Nazzano, cuore pulsante di questa importante kermesse, stanno lavorando da oltre due mesi alla realizzazione di maschere ispirate alla tradizione mitologica classica.

La manifestazione si aprirà alle ore 15:00 con il tradizionale “corteo orofano”, che partirà dalla Centrale e si concluderà nel centro storico di Avenza. Qui, tra Piazza Finelli, il giardino di casa Pellini e Piazza Gino Lucetti, si svolgerà la parte pomeridiana e serale del Carneval Profano: musica, spettacoli di intrattenimento, attività laboratoriali per i più piccoli, teatro di contatto e maschere dal sapore antico. Nel pomeriggio a tutti i bambini partecipanti sarà offerta la merenda. A partire dalle 20:00, prima del grande rogo di Re Carnebacco, i volontari della Pro Loco serviranno fino ad esaurimento scorte polenta calda e vin brulè.

A breve sarà pubblicato il programma completo. Quest’anno il Carneval Profano, che non ha avuto il contributo dell’amministrazione, si regge solamente sul prezioso sostegno delle scuole e sulla generosità di singoli cittadini, commercianti e imprenditori. A tutte queste persone la Pro Loco di Avenza rivolge un sincero e sentito ringraziamento. Concludendo coi versi di Gianni Rodari: “E sarà il carnevale più divertente / veder la faccia vera di tanta gente”.