Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

"Le 105 fontane a Massa? Valorizziamo piuttosto quelle che abbiamo"

Franco Frediani: "Contrario, progetto troppo a lungo termine e operazione fuori luogo"

Lo scrittore e cultore di storia locale massese Franco Frediani non ha dubbi: le “105 fontane” di Massa vanno accantonate. Il progetto, già caldeggiato nel 2012, prevederebbe la realizzazione di 105 fontane ritraenti altrettanti famosi monumenti del mondo dislocate su tutto il territorio massese, dalla costa ai monti. “A volte tornano e questa volta a tornare è l’idea delle 105 fontane – scrive Frediani – già mi espressi a mezzo stampa nel luglio del 2012, ma questo risveglio mi costringe ad intervenire di nuovo. Perché dico no al progetto ? Perché, al di là del fatto che si tratta di un progetto a lungo termine (20 gli anni preventivati, 40 quelli più vicini alla realtà e con serie probabilità di non arrivare mai alla sua conclusione) trovo che disseminare il nostro territorio di riproduzioni in marmo dei monumenti più significativi dei 5 continenti, pur se belle, sia un’operazione decisamente fuori luogo.”

“Vi immaginate una tour Eiffel al castello Malaspina, la Casa Bianca alla Filanda, Notre Dame a San Carlo, il Cremlino a Canevara e le Piramidi sulla spiaggia ? Io proprio non ce le vedo e anzi le considero un vero spregio al nostro territorio. Riccardo della Pina non me ne voglia ma il richiamo ad “ un apporto all’arte e alla cultura cittadina” è davvero fuori luogo. Restiamo dunque coi piedi per terra e caso mai valorizziamo le fontane che abbiamo. A ciascuna di esse potrebbe essere collocato un pannello esplicativo così da offrire al turista e al cittadino, in una sorta di percorso della Memoria, la storia delle nostre acque, dalle sorgenti alle fontane. Concludo facendo presente che in data 26 marzo 2013 fu da me protocollata in Comune una petizione, a firma di numerosi illustri cittadini massesi amanti della loro città, che chiedevano di poter vedere impedita l’esecuzione di tale progetto. Ci auguriamo che le istituzioni ne tengano debitamente conto.”