LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Massa-Carrara, un decesso e 32 feriti: il bilancio di una giornata apocalittica

MASSA-CARRARA – Due decessi e 18 feriti (2 codici rossi, 11 codici gialli e 5 codici verdi). E’ questo il bilancio dell’attività svolta dal 118 per il maltempo nella zona nord dell’Azienda USL Toscana nord ovest (Massa Carrara, Lucca e Versilia), ma il conto sale a 41 feriti se si considerano tutti gli accessi in ospedale legati alle avverse condizioni atmosferiche.

All’ospedale Apuane, oltre a un decesso, gli accessi al Pronto soccorso correlati al maltempo sono stati 32, di cui 13 tramite 118. Le persone ancora ricoverate sono 4. A Lucca, dove si è registrato anche un decesso, sono giunte in ospedale 4 persone ferite, provenienti dal comune di Barga, delle quali 3 dimesse e 1 trasferita all’ospedale di Cisanello (Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana). All’ospedale Versilia, per problematiche legate al maltempo sono giunte in Pronto Soccorso 4 persone (di cui una condotta dal 118): 2 sono già state dimesse e 2 sono ancora in trattamento. In più c’è 1 donna ferita trasferita con “Pegaso” da Marina di Massa all’ospedale di Cisanello.

E’ stato dunque attivato dall’Asl il piano per maxi-emergenza, in particolare per la zona di Massa Carrara, dove un’autentica bomba d’acqua ha creato notevoli disagi per tutta la mattinata. In una situazione che ha messo a dura prova il servizio 118, con tante richieste d’intervento concentrate in poche ore, sono stati allertati e sono poi intervenuti vari mezzi di soccorso coordinati dagli operatori della Centrale Operativa 118: automediche (Massa, Carrara, Versilia nord – Querceta, Lucca e Barga),“India” di Massa Carrara e molte altre ambulanze, oltre a Pegaso per il trasporto a Cisanello della donna rimasta ferita a Marina di Massa.

La direzione dell’Azienda Usl Toscana nord ovest, insieme a tutti i suoi operatori, esprime prima di tutto la propria vicinanza e il proprio cordoglio alle famiglie delle due persone decedute a causa del maltempo, un uomo a Sorbano del Giudice (Lucca) e una donna a Carrara. Il direttore generale dell’Asl ringrazia inoltre tutti gli operatori sanitari che hanno lavorato sul territorio e in ospedale per soccorrere e curare le persone ferite.
La Centrale 118 e le associazioni di volontariato – in stretta sinergia con i Vigili del fuoco, le Forze dell’ordine e la Protezione civile – hanno infatti fornito risposte tempestive ai cittadini in una situazione molto complessa. Così come il personale delle strutture di Pronto Soccorso, in primis Massa ma anche Lucca e Versilia, ha preso in carico in maniera adeguata i molti feriti.

“Questa mattina – spiega il direttore della Centrale Operativa 118 Alta Toscana Andrea Nicolini – abbiamo attivato il piano di maxi emergenza per il maltempo. La collaborazione con gli altri enti e le associazioni di volontariato ha permesso di coordinare al meglio gli interventi e di non farci trovare impreparati anche davanti a una situazione anomala come quella di oggi. E’ stato un grande lavoro di squadra, che ha consentito di garantire supporto e assistenza a molte persone in difficoltà e per questo ringrazio di cuore tutti gli operatori che hanno lavorato con competenza e tempestività, in condizioni difficili, confermando la qualità dell’organizzazione e dei professionisti che fanno parte del percorso dell’Emergenza Urgenza”.