LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Camilla uccisa da due colpi di pistola, i Ris di Parma al lavoro sul pickup dell’indagato foto

L'esame autoptico ha confermato una dinamica simile a quella di Nevila. Intanto si continua a cercare l'arma del delitto di Sarzana

SARZANA – Sono stati due colpi di pistola di piccolo calibro sparati in testa a uccidere Camilla, presumibilmente nella notte fra domenica e lunedì, quindi 24 ore dopo Nevila Pjetri. È quanto accertato dall’anatomopatologa Susanna Gamba che oggi ha svolto l’esame autoptico sul corpo della vittima del secondo delitto di Sarzana che è stato lasciato a breve distanza dal luogo dove sarebbe materialmente avvenuto e dove è stata rinvenuta la Ford Fiesta. Auto al cui interno c’erano tracce di sangue e due bossoli calibro 22 che saranno ora comparati con quelli che hanno ucciso Nevila, freddata con tutta probabilità, nei pressi di uno stabilimento balneare di Marinella e poi abbandonata lungo l’argine del Parmignola.

Le indagini, che vedono al momento come unico indagato il 32enne di Carrara Daniele Bedini che ieri si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al Gip (ne abbiamo parlato qui), proseguono dunque su un doppio binario anche se i punti di contatto sono ormai sempre di più e lasciano presupporre che la mano omicida possa essere stata la stessa ad aver agito a distanza di 24 ore.

Intanto dopo i rilievi effettuati ieri nelle acque del torrente Parmignola dai sub dei Carabinieri, oggi i Ris si sono focalizzati sul pick-up bianco immortalato da diverse telecamere di videosorveglianza e sequestrato all’indagato. Il mezzo, come la Ford Fiesta, si trova presso il comando dei Carabinieri di Sarzana ed è lì che gli investigatori scientifici hanno iniziato una serie di accertamenti che – auspicano – possano fornire altri elementi utili per fare definitivamente luce sul primo delitto. Finora però non c’è nessuna traccia della pistola che, probabilmente, ha sparato e ucciso due volte.