LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Carrara, in casa più di 300 dosi di droga: arrestato giovane spacciatore

Da settimane las Polizia di Stato aveva individuato una piazza di spaccio nel centro cittadino dove freneticamente gli acquirenti, previo appuntamento telefonico, si recavano per l’acquisto di cocaina e marijuana

CARRARA – Gli investigatori della Squadra Anticrimine del commissariato di Pubblica sicurezza di Carrara, nel fine settimana appena trascorso, hanno eseguito un arresto in flagranza di reato a carico di un cittadino magrebino pluripregiudicato per spaccio di sostanza stupefacente e per questo già sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di firma con divieto di dimorare nella provincia di La Spezia.

Da settimane gli agenti della Polizia di Stato avevano individuato una piazza di spaccio nel centro cittadino dove freneticamente gli acquirenti, previo appuntamento telefonico, si recavano per l’acquisto di cocaina e marijuana. La tecnica di spaccio era piuttosto elementare ma allo stesso tempo sicura per il pusher, infatti previo accordo con il mezzo telefonico sulla quantità e qualità dello stupefacente, aspettava che l’acquirente comparisse all’interno della piazzetta per poi raggiungerlo a piedi, fare velocemente il singolo scambio e poi allontanarsi. Grazie all’attività info-investigativa espletata dagli operatori, tuttavia, si riusciva a risalire al percorso che il pusher svolgeva per andare ad approvvigionarsi dello stupefacente prima della cessione, sino a un appartamento sito poco distante dalla piazza di spaccio, utilizzato come nascondiglio per la droga.

Nel pomeriggio di venerdì il personale della Squadra Anticrimine, in abiti borghesi e con auto civetta, si appostava nell’area interessata dal traffico di stupefacente e dopo poco veniva subito individuato un possibile acquirente, presto raggiunto dal cittadino di origine magrebina sospettato, già individuato nei giorni precedenti. Subito dopo aver assistito alla cessione gli agenti entravano in azione, fermando subito il pusher mentre l’acquirente, con una manovra spericolata, rischiando anche di investire un operatore di polizia, riusciva a darsi alla fuga. Indosso allo spacciatore veniva trovata la somma in denaro di 350 euro, suddivise in banconote di piccolo taglio, evidente provento dello spaccio, pertanto si procedeva ad estendere la perquisizione presso l’abitazione in uso all’indagato.

All’interno dell’appartamento veniva rinvenuto stupefacente in rilevante quantità, e in particolare: 40 grammi di cocaina, un etto di marijuana (che sul mercato avrebbero fruttato 120 dosi di cocaina e 200 di marijuana per un valore di 5500 euro) e ulteriori 740 euro, anch’esse divise in piccolo taglio quale provento dello spaccio, oltre ad un bilancino perfettamente funzionante, utilizzato per confezionare le singole dosi di narcotico.

Per l’uomo scattavano immediatamente le manette, venendo arrestato in flagranza di reato per il delitto di cessione e detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente ai sensi dell’art. 73 del Dpr 309/90. Considerata la gravità della condotta dell’uomo, classe 1994, nonché la rilevante quantità di sostanza stupefacente e denaro sequestrato, oltre che alla luce dei precedenti specifici per traffico di droga a suo carico, per i quali risultava già attualmente sottoposto a misura cautelare, il pubblico ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa-Carrara, Elena Marcheschi, l’arrestato veniva associato presso la Casa di Reclusione di Massa in attesa del processo.