Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Focolaio covid alla rsa Regina Elena, stop alle visite

Lo ha fatto sapere il sindaco di Carrara, Francesco De Pasquale: «Sintomi lievi. Nuovo record di isolamenti in città»

Più informazioni su

CARRARA – Pubblichiamo l’aggiornamento settimanale sul covid del sindaco di Carrara, Francesco De Pasquale.

Care concittadine e cari concittadini, al termine della consueta riunione organizzata dalla Prefettura sulla situazione Covid, torno ad aggiornarvi sui dati della nostra città. Al momento sul territorio comunale abbiamo 1525 persone in isolamento domiciliare: si tratta dell’ennesimo nuovo record dall’inizio della pandemia. Le persone ricoverate all’Ospedale delle Apuane sono 47, tra questi 15 sono carraresi.

Dai controlli di routine effettuati in struttura è emerso che ci sono 15 persone positive tra gli ospiti della Regina Elena: gli ospiti sono tutti in buone condizioni di salute, la maggior parte sono completamente asintomatici e chi ha sintomi li ha solo in forma lieve. Lo staff ha proceduto a isolare i positivi in un reparto dedicato e ad adottare tutti i protocolli per limitare i contagi isolandoli dal resto della struttura. In via precauzionale sono state temporaneamente chiuse le visite dall’esterno.

L’alta contagiosità della variante Omicron ci deve imporre di continuare a tenere alta la guardia. Prima di tutto è fondamentale la vaccinazione: chi non ha ancora ricevuto la prima dose si affretti a farla e altrettanta solerzia deve animare chi non ha ancora completato il percorso delle somministrazioni. Ormai su questo la scienza è unanime: il vaccino è l’unica arma per evitare la forma grave della malattia. Quanto alle nostre abitudini quotidiane, memori delle restrizioni del lockdown, godiamoci le attività che possiamo effettuare, proprio grazie alla campagna vaccinale ma indossiamo sempre la mascherina, laviamoci spesso le mani e manteniamo le distanze di sicurezza. La pandemia continua a metterci a dura prova ma non dobbiamo darci per vinti.

Più informazioni su