Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Sarzana, offre 30mila euro a un sicario per uccidere moglie e suocera

Arrestato un 50enne che aveva pattuito con un killer la cifra per liberarsi delle due ignare donne. I carabinieri della vicina città ligure hanno sorvegliato giorno e notte le potenziali vittime e intanto avviato indagini per trovare riscontri al piano criminale. Ieri l'epilogo: l'uomo, di origine emiliana, è stato arrestato ed è adesso in carcere

SARZANA – Cercava un sicario per uccidere la moglie e la madre di lei. E per farlo era disposto a spendere  30mila euro, di cui diecimila come “acconto” e il resto a delitto compiuto. Per una settimana i carabinieri di Sarzana sono stati impegnati giorno e notte per sventare il disegno criminoso di un 50enne che tramava, secondo gli inquirenti, un doppio femminicidio. L’uomo, di origini emiliane ma residente da tempo in Val di Magra, aveva individuato e contattato un sicario cui affidare la realizzazione del delitto in breve tempo e nel modo più “pulito” possibile.

Fortunatamente il disegno criminale è arrivato alle orecchie dell’Arma, che hanno immediatamente avviato serrate indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il tribunale della Spezia, e adottato una serie di misure precauzionali per evitare che si realizzasse. Ovvero, in primis, mettere sotto sorveglianza le due donne h24.

Nel corso delle indagini i Carabinieri di Sarzana hanno trovato riscontro ai propositi dell’uomo che, attraverso una ricostruzione dettagliata di ogni movimento delle due donne, ne aveva pianificato la tragica fine. Gli inquirenti hanno documentato tutte le azioni preparatorie riuscendo a bloccare il piano, ormai in fase avanzata. Nel tardo pomeriggio di ieri sono infine entrati in scena arrestandolo proprio nel momento in cui stava trasformando i propositi in realtà. Dopo essere stato condotto in caserma, i giudici del tribunale spezzino ne ha immediatamente disposto l’accompagnamento presso la casa circondariale del capoluogo.

Cosa possa averlo spinto a progettare il duplice omicidio è tuttora oggetto d’indagine, ma la pista seguita dagli inquirenti segue motivazioni di carattere economico. Una storia degna della trama di un romanzo o di un film, che rischiava di trasformarsi nell’ennesimo femminicidio.