Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

L’addetta del supermercato diventa “detective” dopo un furto: scoperta la responsabile

È accaduto ad Aulla nei giorni scorsi a una dipendente di un supermarket che si era vista sottrarre 75 euro dal portafoglio. Così ha ideato uno stratagemma per scoprire chi è stato

AULLA – Nei giorni scorsi, una dipendente di un noto supermercato di Aulla (Massa-Carrara) si è rivolta al “112” perché si è resa conto che dal proprio portafogli mancavano dei soldi. Sul posto si è recata una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Pontremoli. La dipendente, ha riferito ai militari che da alcuni giorni subiva dei furti di denaro, circa 60 euro, e che, “detective” per un giorno, in quella circostanza, aveva studiato un semplice stratagemma: segnare e ripiegare le banconote in maniera particolare.

È bastata una rapida verifica di tutti i dipendenti presenti, compresi gli addetti alle pulizie, per vedere chi, tra questi, aveva libero accesso agli spogliatoi nel periodo in cui si era consumato il furto. A questo punto sono state controllate le banconote dei presenti ed ecco l’amara sorpresa: il furto era stato commesso da una delle addette alle pulizie, una 40enne incensurata, di origini spezzine, residente in Alta Lunigiana.

A nulla è servito alla 40enne dichiararsi innocente, le banconote trovate in suo possesso, 15 euro, la incastravano: erano piegate e segnate nella stessa maniera riferita dalla dipendente ai Carabinieri. Tanta l’amarezza della vittima, non tanto per il bottino, come detto una somma di circa 15 euro, che le è stata subito restituita, quanto per quel senso di sfiducia che ha provato non appena scoperta l’identità della persona che le aveva sottratto i soldi e di cui evidentemente si fidava. Ai carabinieri non è rimasto altro da fare che denunciare la donna per “furto” alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa.