Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Lite in famiglia, non rispetta le prescrizioni del giudice: 42enne va in carcere

Era stato affidato in prova ai servizi sociali. L'episodio è accaduto a Licciana Nardi dove i carabinieri sono intervenuti per arrestare il marocchino

LUNIGIANA – Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Licciana Nardi (Massa-Carrara) hanno rintracciato e arrestato un 42enne marocchino, ormai da anni residente in Bassa Lunigiana, tra i comuni di Licciana Nardi e Aulla, ben noto alle forze dell’ordine per aver collezionato diversi reati in materia di stupefacenti. L’uomo, a seguito delle condanne comminategli dall’autorità giudiziaria, era stato ammesso all’affidamento in prova ai servizi sociali ma, la settimana scorsa, aveva dato in escandescenza litigando con la convivente, una giovane connazionale, e con la zia di quest’ultima, intervenuta a difesa della nipote.

Sul luogo della lite, a seguito della richiesta pervenuta al “112” da parte della zia della ragazza, si recavano i Carabinieri di Licciana Nardi che, una volta accertati i fatti, ne davano immediata comunicazione al tribunale di sorveglianza di Massa che, valutata l’inosservanza delle prescrizioni previste dal percorso rieducativo, decideva di revocare al 42enne il beneficio dell’affidamento in prova, disponendo l’immediato accompagnamento in carcere dell’uomo. L’arrestato, conclusi gli atti di rito, veniva quindi tradotto presso la casa di reclusione di Massa.