Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Carrara, aggrediti a colpi di bottigliate e sassi tre militanti di Forza Italia foto

Musetti: «Circa sessanta contro tre persone che avevano parcheggiato casualmente nei pressi di via San Piero. Fra gli aggrediti anche un maresciallo della Marina e una donna». Rintracciati cinque dei principali autori: deferiti per minacce, danneggiamento aggravato, lesioni e violenza privata

Più informazioni su

CARRARA – Aggrediti tre militanti di Forza Italia, fra cui Gianni Musetti, a colpi di bottigliate e sassi in via Apuana a Carrara. È successo nella notte poco dopo il termine della riunione del centrodestra. «Circa sessanta, perlopiù anarchici – racconta Musetti alla Voce Apuana – contro tre persone che avevano parcheggiato casualmente nei pressi di via San Piero, vicino al circolo anarchico Baccanali. Fra gli aggrediti anche un maresciallo della Marina e una donna, già codice rosa vittima di violenza coniugale. L’intervento dei carabinieri e della polizia ha fermato quella che ormai era diventata una mega aggressione da parte di una folla di persone contro i tre, bloccati e circondati dal marasma di gente».

E sull’argomento è intervenuto da Massa anche Stefano Benedetti, membro di Fi e presidente del Consiglio comunale: «Questo non è il primo episodio di violenza e intimidazione avvenuto negli ultimi giorni a Carrara ed è evidente che il clima di tensione esistente in città, è riconducibile a una precisa strategia in vista delle prossime elezioni amministrative, dove il centrodestra viene dato per favorito. Esprimo la mia piena solidarietà nei confronti degli amici di Forza Italia che hanno subìto questa grave violenza politica, auspicando che le forze dell’ordine riescano al più presto a identificare e denunciare gli anarchici che hanno partecipato all’aggressione».

Nel frattempo dal commissariato di polizia di Carrara fanno sapere che gli investigatori dell’ufficio U.I.G.O.S si sono messi subito al lavoro per ricostruire la dinamica degli eventi, acquisendo testimonianze degli accadimenti e le denunce delle vittime oltre ai filmati di videosorveglianza delle aree limitrofe al luogo dell’evento.

Grazie al lavoro di analisi e riconoscimento degli operatori di Polizia, sono stati identificati cinque dei principali autori e promotori dell’aggressione all’interno del gruppetto, tutti noti agli uffici in quanto già gravati da precedenti specifici. I cinque ragazzi, tutti residenti nel territorio di Carrara, sono stati deferiti per i delitti di minacce, danneggiamento aggravato, lesioni e violenza privata.

Più informazioni su