Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Carrara, accoltellato sul marciapiede in pieno giorno. Preso l’aggressore, è accusato di tentato omicidio

Un 37enne marocchino è finito in ospedale dopo una violenta lite con un connazionale avvenuta in località "Fabbrica"

CARRARA – Intorno all’ora di pranzo di oggi, giungeva una chiamata al numero di emergenza 112 Nue da parte di un residente del viale XX Settembre, in località “Fabbrica”, che segnalava di uno straniero riverso in terra sul marciapiede che era stato accoltellato e chiedeva aiuto. Immediatamente giungeva sul posto personale del Commissariato di pubblica sicurezza di Carrara, composto da unità di primo intervento delle Squadre Volanti unitamente agli investigatori della squadra di polizia giudiziaria e alla Polizia Scientifica.

Sin dai primi accertamenti emergeva che il giovane accoltellato, 37enne originario del Marocco, si trovava all’interno dell’abitazione di un suo connazionale classe 1988, e a seguito di una discussione per questioni personali, ancora non del tutto chiarite, ne sarebbe nata una violenta lite che sfociava in un accoltellamento. L’esatta dinamica degli eventi è ancora in corso di ricostruzione, tuttavia dai primi rilievi è emerso che il marocchino dimorante alla “Fabbrica”, nell’appartamento dove si consumava lo scontro, aveva attinto con una coltellata all’altezza del torace l’altro cittadino extracomunitario, interessando l’area dei polmoni, per poi fuggire in direzione Marina di Carrara, lasciando la vittima riversa sul marciapiede fuori l’abitazione.

D’urgenza il ferito veniva portato all’ospedale delle Apuane di Massa in codice rosso e poi ricoverato in prognosi riservata ma non in pericolo di vita, se pur per sciogliere definitivamente la riserva sulle condizioni del paziente sarà necessario attendere un periodo di osservazione teso a determinare l’evoluzione delle sue condizioni cliniche. Pronte e serrate le immediate ricerche avviate a tappeto su tutto il territorio comunale di Carrara da parte degli operatori della Polizia di Stato, i quali dopo poche ore riuscivano a individuarlo a Marina di Carrara, da cui lui però si allontanava per recarsi spontaneamente presso il Commissariato di Carrara al fine di fornire spiegazioni sull’accaduto.

Agli operatori che lo accompagnavano in Commissariato per gli accertamenti riferiva di aver riportato a sua volta un taglio superficiale al fianco, asserendo che glielo avrebbe inferto l’altro connazionale nel corso della lite, senza però chiarire in modo preciso i motivi della stessa né la sua esatta dinamica. Grazie all’immediata attività di polizia giudiziaria espletata dagli investigatori della Polizia di Stato del Commissariato di Carrara, si procedeva nel corso della serata al deferimento del marocchino, che dovrà ora rispondere del delitto di tentato omicidio, attese le gravi condizioni di salute in cui versa il suo connazionale, tuttavia le attività investigative proseguiranno per approfondire ogni ulteriore dettaglio utile alla ricostruzione dell’esatta dinamica degli eventi.