Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Sputa in faccia a un poliziotto e lo ferisce: spacciatore in manette a Marina di Carrara

L'uomo, un giovane marocchino, è stato trovato in possesso di diversi grammi di cocaina e di hashish, entrambe suddivise in dosi per la pronta vendita e occultate all’interno della biancheria intima

CARRARA – Nel corso dell’ultimo mese la Polizia di Stato ha potenziato il servizio di capillare controllo del territorio nel comune di Carrara, con particolare riguardo alla prevenzione e al contrasto del traffico di sostanza stupefacente mediante l’impiego sinergico sia di personale in divisa delle Squadre Volanti sia di personale in abiti civili della squadra di Polizia giudiziaria, entrambe dipendenti dal Commissariato di Pubblica sicurezza di Carrara.

Nel corso dell’ultimo fine settimana, infine, durante una mirata operazione di contrasto allo spaccio nella frazione di Marina di Carrara, una volante individuava un soggetto di origine marocchina compiere movimenti sospetti nei pressi di un noto locale situato sul lungomare. Dopo essere stato visto fare su e giù sul marciapiede, evidentemente in attesa dell’arrivo di un acquirente, veniva fermato e sottoposto a controllo di polizia.

Durante le operazioni di perquisizione personale opponeva una vibrante resistenza, sputando in faccia a uno degli operatori per poi aggredirlo fisicamente, causandogli lesioni personali. All’esito del difficoltoso controllo veniva trovato in possesso di diversi grammi di cocaina e di hashish, entrambe suddivise in dosi per la pronta vendita e occultate all’interno della biancheria intima, oltre a circa 200 euro in banconote di diverso taglio, quale evidente profitto dell’attività criminosa.

A seguito della grave condotta tenuta dal pusher, gli agenti della Polizia di Stato procedevano al suo arresto e su disposizione del pm di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa veniva disposta la sua custodia provvisoria presso la camera di sicurezza del Commissariato, in attesa dell’udienza di convalida. All’esito dell’udienza l’arresto veniva convalidato e l’indagato, classe 1999 e originario del Marocco, veniva sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.