Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Cocaina in bocca prima di venderla: i carabinieri fermano pusher nel centro di Carrara

Nel fine settimana è stato anche denunciato un 46enne carrarese sottoposto alla “sorveglianza speciale” perché ritenuto pericoloso per la pubblica sicurezza

CARRARA – Sul fronte antidroga, nel corso del fine settimana, gli uomini del Nucleo Operativo dei carabinieri di Carrara sono entrati in azione nella zona del centro storico di Carrara vicino al supermercato Conad, dove i residenti avevano segnalato una nuova piazza di spaccio. Gli investigatori dopo vari appostamenti hanno così colto sul fatto un pusher magrebino che ha tirato fuori dalla bocca una dose di cocaina per poi consegnarla ad una donna, in cambio 30 euro.

L’acquirente ha poi cercato di disfarsi della droga appena si è accorta dell’arrivo dei Carabinieri, che però l’hanno recuperata e sequestrata, insieme ai soldi trovati nelle tasche dello spacciatore che, dal canto suo, non ha negato nulla. Per lui è scattata quindi la denuncia per spaccio, invece l’acquirente è stata segnalata al Prefetto come assuntore di stupefacenti. La stessa sorte è toccata ad altri due consumatori di cocaina controllati dalle pattuglie dell’Arma nella zona della movida. Entrambi avevano in tasca una dose di polvere bianca per uso personale.

Infine, è stato denunciato un 46enne di Carrara sottoposto alla “sorveglianza speciale”, una misura di prevenzione che viene applicata dal Tribunale a chi è ritenuto pericoloso per la pubblica sicurezza. I destinatari di questo tipo di provvedimento, che solitamente hanno una sfilza di precedenti alle spalle, devono attenersi a delle precise regole di buona condotta”, inoltre scattano delle limitazioni della libertà personale, fra cui l’obbligo di rimanere in casa la notte. Le pattuglie dell’Arma hanno accertato durante i controlli che il 46enne non ha rispettato alcune prescrizioni, perciò inevitabilmente è stata informata l’Autorità Giudiziaria.