Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Bastoni, cinghie e petardi: dieci arrestati per gli scontri tra tifosi carraresi e massesi foto

La visione dei filmati ha consentito agli investigatori della Polizia di Stato del Commissariato di Carrara e della Digos di identificare 7 responsabili della Curva Nord Lauro Perini e 3 della Legione Cybea della Massese

MASSA-CARRARA – Nel corso della giornata di sabato 19 settembre si è disputato l’incontro valevole per la Coppa Italia, Campionato Eccellenza, fra Usd San Marco Avenza 1926 e Us Massese 1919.  Alle ore 15.30, poco prima dell’inizio della competizione sportiva, giungeva segnalazione telefonica al Nue (numero unico emergenza) per una lite in corso in via Mulazzo angolo via Campo d’Appio, con lancio di petardi e fumogeni. Il personale intervenuto sul posto riscontrava la presenza di alcune bottiglie rotte e constatava, su indicazione dei residenti, danneggiamenti ad alcune autovetture. Da ulteriori accertamenti emergeva che durante gli scontri era rimasto ferito uno degli ultras appartenente alla tifoseria della Curva Nord Lauro Perini.

scontri tifosi carrarese massese

Dalla ricostruzione, a seguito di visione dei filmati, è emerso che alle 15.30 circa un gruppo di tifosi appartenenti alla Curva Nord Lauro Perini si incontrava in via Mulazzo angolo via Campo d’Appio, con un gruppo di tifosi appartenenti alla Legione Cybea della Massese Calcio, passando alle vie di fatto, con l’utilizzo di bastoni e cinghie, lancio di petardi e fumogeni.

L’accurata visione dei filmati ha consentito agli investigatori della Polizia di Stato del Commissariato di Carrara e della Digos di Massa Carrara di identificare e trarre in arresto nella mattinata di oggi dieci ultras (3 con Daspo in corso) di cui 7 appartenenti alla Curva Nord Lauro Perini e 3 alla Legione Cybea della Massese Calcio e di delineare le condotte illecite tenute da ciascuno dei predetti soggetti nel corso della concitata dinamica degli eventi.

Nelle scene di guerriglia urbana, tutti gli arrestati hanno materialmente compiuto azioni violente che hanno creato un forte allarme sociale tra i residenti del quartiere che hanno assistito alla scena. Le condotte illecite risultano aggravate dalla circostanza dalla concomitanza dell’evento sportivo della partita di Coppa Italia tra la San Marco Avenza e la Massese Calcio.