Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Maltempo, il nubifragio colpisce Massa-Carrara: allagamenti, frane e disagi dai monti al mare foto

A Massa i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per soccorrere un automobilista bloccato nel sottopasso ferroviario di via degli Oliveti. Allagata la palestra dell'istituto Marconi-Galilei ad Avenza. Gianni Musetti (Fi): «A Carrara messa in sicurezza al palo. Servono più uomini per gestire queste situazioni»

MASSA-CARRARA – Piogge molto intense hanno caratterizzato la mattinata della provincia di Massa-Carrara, causando allagamenti, smottamenti e molti disagi al traffico. Le maggiori precipitazioni si sono registrate tra Carrara e Massa, in particolare nella zona montana. Da Massa sono arrivate varie segnalazioni di allagamenti e smottamenti in strade montane, ma anche in città si sono verificati disagi con strade allagate.  I vigili del fuoco sono dovuti intervenire per soccorrere un automobilista bloccato nel sottopasso ferroviario di via degli Oliveti.

Situazione critica anche a Carrara, dove il viale XX Settembre sin dalle prime ore della mattina si è trasformato in un fiume, soprattutto nella zona a valle tra Avenza e Marina di Carrara. Qui i vigili del fuoco sono intervenuti per rimuovere da una pozza d’acqua un’auto. Problemi si sono registrati anche a Bonascola in via Casalina dove una residente ha chiesto aiuto ai pompieri a causa dell’allagamento che ha interessato la propria abitazione.

In Lunigiana si sono registrati problemi nel comune di Zeri con alcune frane e a Bagnone dove alcune strade si sono allagate.

Carrara, Musetti (Fi): «Messa in sicurezza al palo»
«A Bonascola – commenta Gianni Musetti di Forza Italia – sono quasi dieci anni che hanno iniziato e abbandonato il cantiere di messa in sicurezza del torrente di via montelivero. 6 milioni di euro per poi concludersi con una canalizzazione che finisce nelle vecchie conduttore tombate e piene di abusi edilizi circostanti o addirittura sopra di esse. Caso analogo i lavori del Carrione e dei fossi a monte. Per non parlare dei monti, a rischio frana il 75% delle colline e dei monti. E in tutta l’estate non hanno pulito un singolo tombino, né un canale di scolo, infatti dopo 5 minuti di pioggia erano già dei fiumi in piena impercorribili. Hanno vinto per il muro di polistirolo dentro il cemento che crollò in via argine destro, contestando i lavori di messa in sicurezza che fecero gli altri. E questav amministrazione cosa ha fatto in quasi 5 anni? Nulla, assolutamente nulla. E così Avenza, il viale XX settembre e Marina sono già sott’acqua e la città è paralizzata. In Olanda chiudono il mare con l’alta marea, qui al massimo il sindaco e buono solo a chiudere le scuole».

Poi l’esponente politico commenta quanto accaduto in via Casalina nella frazione di Bonascola, dove il soccorso richiesto avrebbe ritardato a causa della carenza di personale che caratterizza anche il Comando di Massa-Carrara: «Con allerta arancione – dice Musetti – una sola squadra di vigili del fuoco. Questo sarebbe lo stato di emergenza del nostro comune? Si rischiano le vite anche quando si sa che la situazione potrebbe precipitare e l’eccezionalità dell’evento si potrebbe trasformare in una calamità naturale condotta dalla incapacità umana di prestare I servizi essenziali. Il sindaco pensa solo a fare le telefonate per l’allerta ma non chiama la regione per avere più uomini per gestire le situazioni d’emergenza».

AGGIORNAMENTO CARRARA ORE 12.45– Intorno alle 10 su Carrara sono caduti 40 millimetri di pioggia in 40 minuti. A parte gli allagamenti su strada, i disagi maggiori sono stati registrati all’istituto Marconi-Galilei di via Campo D’Appio ad Avenza dove si è allagata la palestra. Il Carrione è sotto controllo, fa sapere Palazzo civico.