Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Cocaina nascosta nei calzini, arrestato a Massa spacciatore in trasferta

Il giovane pusher, pregiudicato, abita a Carrara: adesso si trova ai domiciliari

MASSA-CARRARA – Nonostante la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nel comune di Carrara per un analogo reato commesso lo scorso mese di maggio, continuava  a spacciare cocaina prediligendo una zona periferica dell’abitato massese.

Ormai da diversi giorni i Carabinieri della Sezione Operativa del Comando Compagnia di Massa monitoravano gli spostamenti di un nordafricano in una zona periferica del capoluogo situata a confine con l’abitato di Carrara.
Così, nella giornata di ieri 26 agosto, al termine delle attività di indagine, veniva tratto in arresto un 24enne di origini marocchine dimorante nel comune di Carrara, in quanto trovato in possesso di 11,5 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina e denaro contante provento dell’attività delittuosa.

In considerazione dei suoi recenti trascorsi con la giustizia e nella speranza di non essere facilmente riconosciuto dalle forze di polizia locali, quotidianamente partiva dal comune carrarino per raggiungere con il suo veicolo una zona periferica del capoluogo massese, dove aveva accuratamente strutturato una fiorente attività di spaccio di cocaina.

Le attività di osservazione dei militari hanno permesso di bloccarlo nel momento in cui transitava in una strada senza vie di fuga e sottoporlo ai successivi controlli. Infatti, lo stupefacente, opportunamente suddiviso in dosi e pronto ad essere ceduto, si trovava celato dentro un calzino che era stato accuratamente occultato all’interno del veicolo su cui viaggiava, dove venivano rinvenuti circa 200 euro in banconote di diverso taglio, sicuro provento dell’attività di spaccio.

Il giovane, già sottoposto a misura alternativa dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per analogo reato, veniva pertanto dichiarato in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa, veniva condotto presso l’abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida che si terrà stamattina.